pressione alta

Pressione alta e inibizione cellulare, trovate lesioni renali nei topi.

Trattamenti aggressivi per la pressione alta che sono destinati a proteggere i reni possono danneggiare gli organi come suggeriscono ricerche dalla University of Virginia School of Medicine.

I ricercatori hanno identificato il problema potenziale mentre studiavano strane lesioni renali nei topi che non riescono a produrre l’enzima renina. Tali lesioni sono osservate anche nei pazienti con alta pressione sanguigna. I ricercatori hanno determinato che le lesioni sono frutto del lavoro delle cellule reniniche, talvolta mirate a trattare l’alta pressione sanguigna.

“Per trattare l’ipertensione la gente usa inibitori del sistema angiotensina renina”, ha spiegato R. Ariel Gomez, MD, direttore del Centro per la Ricerca Sanitaria Pediatrico UVA. “Sono stati in uso da molto tempo e, per la maggior parte, sono sicuri. Il nostro lavoro nei topi indica che la mancanza completa di renina provoca lesioni vascolari. La questione è se l’uso aggressivo a lungo termine di tali composti causano problemi nell’uomo, per cui è necessaria una ricerca supplementare “.

La renina è un ormone che il corpo produce per regolare la pressione sanguigna. Tuttavia le cellule che producono renina hanno anche un ruolo importante nella formazione dei vasi sanguigni durante lo sviluppo nel grembo materno.

Infatti, bloccando la produzione di renina nei topi adulti, i ricercatori hanno trovato lesioni vascolari ostruttive nei reni. Era come se le cellule renine stessero cercando di costruire vasi sanguigni, solo che questi erano difettosi e non funzionali

La ricercatrice Maria Luisa S. Sequeira-Lopez, ha affermato che la questione ora diventa se fermare le cellule nel loro compito soprattutto per lunghi periodi di tempo, ha un effetto collaterale involontario nei pazienti con alta pressione sanguigna. L’inibizione della renina, ha osservato, è già evitato durante la gravidanza a causa dei suoi effetti indesiderati durante lo sviluppo.

I passi successivi, hanno detto, dovranno indagare ulteriormente sulla ricerca, per comprendere meglio cosa sta succedendo e per vedere se è  verificato anche negli esseri umani.

“Ma dobbiamo scoprire diverse cose: in primo luogo, se è necessario o non utilizzare doppie combinazioni di farmaci che sovrascrivono le cellule reniniche […] e guardare agli effetti che questa combinazione [trattamento] ha nelle persone, nelle persone “.

Se i risultati si verificano in definitiva negli esseri umani, i medici dovranno prendere in considerazione con attenzione i prossimi passi. “Se lo fanno, ci liberiamo di questi composti, non necessariamente,” disse Gomez. “Quello che dobbiamo scoprire è, come si verifica? Così possiamo capire quali molecole sono attivate e forse agire su quelle molecole e utilizzare dosi inferiori per prevenire la crescita eccessiva dei vasi”.

Il suo consiglio finale per i medici: “Penso che la cosa più importante è avere un buon giudizio come medico e non esagerare”, ha detto, riferendosi al trattamento aggressivo dell’ipertensione usando l’inibizione piena.

Fonte

© Matteo Incani – Riproduzione Riservata

Ultimi post

Breaking News

Ultimi Articoli:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: