Pulizie Spaziali

Pulizie Spaziali, nel 2025 la missione ClearSpace One

Sembra insolito, ma anche l’orbita terrestre ha bisogno di pulizie spaziali. Infatti nell’orbita terrestre sono presenti dei detriti spaziali; questa spazzatura cosmica consiste in satelliti non funzionanti, pezzi di stazioni spaziali, residui di missioni spaziali ed altro. Possono sembrare innocui, ma questi detriti possono causare il malfunzionamento dei satelliti attivi o la loro distruzione. Per […]

Shock nel mondo della scienza

Shock nel mondo della scienza: He-CRISPR controverso

Ed è shock nel mondo della scienza, inorridita dal metodo He-CRISPR che lascia gli studiosi basiti. Il metodo, che presenta a detta degli esperti, punti poco chiari non sembra dimostrare in maniera concreta e tangibile la sua efficacia. Un esperimento dunque controverso quello dello scienziato cinese He Jiankui, riguardante i primi bambini con modifica dei […]

Nuova tecnica per hackerare le onde cerebrali

Nuova tecnica per hackerare le onde cerebrali

Secondo una nuova tecnica per hackerare le onde cerebrali, è possibile migliorare l’attenzione.

In altre parole, andando a sopprimere le onde alfa nel cervello, un soggetto può nettamente estendere la sua accortezza. Leggi di più a proposito di Nuova tecnica per hackerare le onde cerebrali

Natale 2019, le migliori idee per un regalo hi-tech

Con il mese di novembre che ormai volge al termine, molti stanno già pensando ai regali di Natale, per non ridursi all’ultimo minuto, quando le possibilità di scelta – e le idee – sono decisamente meno. Uno dei settori ai quali ormai si attinge più di frequente per i regali natalizi è quello dei dispositivi […]

Robot

Robot per l’assistenza agli anziani e aiuto negli ospedali

I robot, attualmente, sono un valido supporto alle aziende, nelle fabbriche e per altre attività. Sono strumenti interessanti per facilitare i lavori degli uomini e varie mansioni. Di recente, l’utilizzo di questi automi sta avvenendo anche negli ospedali e per assistere gli anziani. Robot per vari tipi di assistenza Alcune aziende di robotica sono riuscite […]

Una svolta: neuroni artificiali per curare le malattie

Una svolta: neuroni artificiali per curare le malattie

Grazie ad un’équipe di ricercatori arriva una svolta: neuroni artificiali per curare le malattie. Sono state create cellule nervose artificiali, che aprono letteralmente la strada a nuovi modi per “riparare” il corpo umano. Inteso come gravi lesioni causate da problematiche quali l’Alzheimer, inclusi impianti medici per il trattamento di patologie come l’insufficienza cardiaca.

I minuscoli prototipi si comportano esattamente come le cellule naturali del nostro organismo. Si spera dunque, che un giorno possano essere usate per curare malattie degenerative.

Un team dell’Università di Bath ha utilizzato una combinazione di matematica, calcolo e progettazione di chip. Questo per trovare il modo di replicare in un circuito ciò che le cellule nervose (neuroni) fanno naturalmente.

I neuroni, come molti sapranno, ricevono, elaborano e trasmettono impulsi nervosi; in altre parole segnali “da – a”. Ovvero verso il cervello e il resto del corpo.

Gli scienziati sono interessati a riprodurli, perché è importante nel trattamento di malattie gravi come il già citato Alzheimer; dove le cellule neuronali degenerano e muoiono. Dunque, la ricerca offre un potenziale enorme, poiché permette di effettuare un esperimento senza precedenti.

Il prof. Alain Nogaret del dipartimento di fisica di Bath, ha affermato che la novità della loro ricerca sta nel trasferire le proprietà elettriche delle cellule cerebrali su circuiti sintetici realizzati in silicio.

Fino ad ora, i neuroni sono stati come scatole nere, ma siamo riusciti ad aprire la scatola nera e scrutare dentro”, ha detto. “Il nostro lavoro sta cambiando paradigma perché fornisce un metodo robusto per riprodurre le proprietà elettriche dei neuroni reali nei minimi dettagli.”

Leggi di più a proposito di Una svolta: neuroni artificiali per curare le malattie

Emozionante: il cloud gaming è imminente

Emozionante: il cloud gaming è imminente

Davvero emozionante: il cloud gaming che andrà a potenziare i giochi VR. Unico requisito una banda ad alta frequenza.

I servizi di streaming, come Netflix o Amazon Prime, sono utilizzati da milioni di persone in tutto il mondo. Ma la prossima ondata di media digitali è imminente: il cloud gaming.

La nuova tecnologia è simile ai servizi di Video on Demand. In altre parole un gioco per computer è eseguito su un server nel cloud.

I giocatori accedono al server tramite connessione Internet. Qui ricevono il flusso audio/video sul proprio impianto personale.

Ogni utente non deve più possedere un potente dispositivo di gioco. Basta avere una connessione Internet veloce e potente. In grado quindi di trasmettere grandi quantità di dati dal cloud a bassa latenza.

Il cloud Computing ha il potenziale per elevare i giochi VR (Realtà Virtuale) al livello successivo. Tuttavia, i requisiti di larghezza di banda sono ancora impegnativi.

Un display VR fluido richiede fino a 10 volte più prestazioni computazionali per generare abbastanza pixel e abbastanza fotogrammi al secondo.

La trasmissione video tradizionale, viene facilmente spinta oltre i suoi limiti.

Dieter Schmalstieg, capo dell’Institute of Computer Graphics and Vision, e il suo team hanno sviluppato un nuovo metodo per sbloccare un potenziale rivoluzionario. Questo per esperienze VR non legate. Leggi di più a proposito di Emozionante: il cloud gaming è imminente

SMS

SMS, 27 anni fa l’inizio di un servizio meraviglioso

SMS, chi non conosce gli short message system; il sistema dei messaggi brevi? Gli SMS hanno rivoluzionato il mondo della comunicazione in modo notevole. Il primo invio di un SMS avvenne esattamente 27 anni fa nel lontano 1992. Quel giorno un computer inviò il messaggio “Merry Christmas”, Buon Natale, ad un cellulare e da allora […]