stampa laser

La marcatura laser conquista l’industria degli elettrodomestici

La stampa laser è il futuro nell’industria degli elettrodomestici è caratterizzata da un’ampia varietà di prodotti, composti da parti di forma irregolare con geometrie complesse e di grandi dimensioni, che rendono difficile costruire sistemi versatili e sviluppare le tecnologie necessarie per marcare i vari pannelli, maniglie e cappe che danno vita ad ogni apparecchiatura.

La marcatura laser è l’unica tecnologia che garantisce risultati permanenti di marcatura

Ciò è diventato sempre più evidente nell’ultimo decennio durante il quale le aziende produttrici di componenti per elettrodomestici hanno scelto il laser come il metodo prediletto per marcare codici, loghi, testo e numeri di serie sui loro prodotti. La precisione del raggio laser gioca un ruolo essenziale in questo contesto: le ridotte dimensioni dello spot su cui si concentra il raggio consentono di ottenere segni più complessi, di dimensioni microscopiche ma molto elaborati per dare vita a loghi piccoli e raffinati o figure geometriche con un livello di perfezione non raggiungibile con altri sistemi.

In Italia i macchinari per l’incisione e marcatura laser degli elettrodomestici sono prodotti da Evlaser, azienda fondata nel 1978 presso Fiorano al Serio, in provincia di Bergamo, e che dal 2017 è entrata a far parte del Gruppo Radici, una multinazionale leader del settore della chimica e delle fibre sintetiche. Gli oltre 4 decenni di esperienza nella progettazione, produzione e commercializzazione di sistemi laser hanno permesso all’azienda di imporsi come punto di riferimento all’avanguardia sia in Italia che oltre i confini nazionali.

Le aziende produttrici di macchinari laser studiano le esigenze del settore e quindi procedono con lo sviluppo e l’implementazione di sistemi di marcatura in grado di affrontare le problematiche principali. Nel caso degli elettrodomestici si tratta dell’irregolarità delle superfici dei pezzi, come i frontali di lavatrici e lavastoviglie, dove i punti da marcare si trovano a distanze diverse dalla testa del laser, con un alto rischio di compromettere la marcatura ottenendo un risultato imperfetto.

Il problema dell’irregolarità della superficie dei componenti è stato risolto affidandosi a tecnologie come lo scanner 3D in grado di rilevare automaticamente la geometria del pezzo, e a software personalizzati che dispongono di un algoritmo complesso in grado di facilitare il compito dell’operatore della macchina laser.

Il contrasto della marcatura e del colore del laser fa concorrenza alla tecnologia della tampografia, che fa uso di inchiostri di qualsiasi colore. Altro fattore di cui le aziende tengono conto è la possibilità di creare un prototipo adatto a catene di produzione che gestiscono più parti e più velocemente.

La stampa a tampone o stampa tampografica è l’alternativa alla stampa laser è attualmente la più utilizzata nell’industria degli elettrodomestici

Questa tecnica utilizza un tampone morbido e flessibile (generalmente in silicone) attraverso il quale una pellicola di inchiostro indelebile viene trasferita da una lastra di acciaio o fotopolimero al substrato dell’elemento.

I vantaggi della marcatura laser rispetto a questa tecnica sono diversi:

  • Innanzitutto il risparmio. Le vernici per la tampografia devono essere costantemente sostituite e i materiali di scarto devono essere smaltiti. Per una catena ad alta produttività questo significa costi molto elevati. Un laser ultravioletto, invece, arriva a garantire fino a 25.000 ore di funzionamento.
  • Il laser è inoltre la migliore scelta dal punto di vista del rispetto ambientale. Zero spreco di materiali significa meno sostanze chimiche e pericolose da smaltire e, allo stesso tempo, dato che il laser è una tecnologia di marcatura diretta delle parti, non sono necessari componenti aggiuntivi in ​​carta o plastica per la lavorazione.
  • Altro vantaggio della marcatura laser degli elettrodomestici è la possibilità di gestire il dinamismo dei dati tramite software, generando automaticamente numeri di serie e sequenze. Infine, le etichette prodotte con stampa a tampone tendono a danneggiarsi nel tempo e codici e testi diventano illeggibili, provocando danni sia in termini di produttività che di immagine aziendale. Da questo punto di vista l’incisione laser garantisce invece di essere indelebile e resistente agli agenti chimici, per cui dura tutta la vita.

Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. La maggior parte delle conoscenze che ho in ambito tecnologico le ho apprese da autodidatta, riparo Pc e nel tempo libero mi dedico a scrivere articoli su Technoblitz.it di cui sono co-fondatore oltre a scrivere anche su Blastingnews.