Galaxy S6

Galaxy S6 giunge alla fine del suo ciclo di aggiornamenti e vendita, spazio per A5 2017

Per Samsung, Galaxy S6 fu un vero stacco dalla precedente generazione di smartphone top gamma. Lanciato nel 2015 insieme al cugino S6 Edge (che riscosse un successo inaspettato grazie ai suoi bordi leggermente curvi), fu criticato soprattutto per la batteria poco performante, ma elogiato per il comparto fotografico da top gamma. Stando alle dichiarazioni di Bell Canada e Virgin Mobile, saremmo giunti alla fine del supporto ufficiale da parte di Samsung.
[maa id=’1′]
In una conversazione con il sito Canadese MobileSyruple due compagnie hanno dichiarato che Galaxy S6 ha già raggiunto il suo stato di End-Of-Life (EOL).  Lo smartphone ex top-gamma è infatti sempre più difficile da reperire, in particolare negli store dei due rivenditori americani sopracitati. Il suo sostituto designato è Galaxy A5 2017, dal prezzo di $499 (in America) senza contratto.

Galaxy S6
Galaxy S6

Al suo arrivo, Galaxy S6 venne piazzato a $729 senza contratto, $249 se invece l’utente sceglieva un contratto di due anni. Visto il divario di prezzo formatosi ora con l’arrivo della nuova sere A 2017, S6 è stato messo in disparte. Nei rispettivi store dei due operatori, tute le varianti di Galaxy S6 sono state rimosse.

Nessun Android 8.0 per S6?

Anche il suo lontano cugino S5 Neo, nonostante sia ancora disponibile all’acquisto, è vicino alla fine del supporto e della disponibilità. Come per molti modelli Samsung presentati nell’arco degli ultimi due anni, il supporto agli aggiornamenti sembrerebbe essere giunto alla fine. Android 8.0 arriverà su Galaxy S6 ufficialmente? Ne dubitiamo.

Cosa ne pensate della scelta di Samsung?  Galaxy S6 è indubbiamente un ex top-gamma arrivato alla fine dei suoi due anni di supporto, ma Samsung fa bene ad abbandonarlo così in fretta? S8 non è ancora stato presentato, e con S7 ancora in commercio, il suo predecessore è stato già abbandonato. Voi cosa vorreste? Fatecelo sapere nei commenti!

 

FONTE sammobile

Autore dell'articolo: redazione