DNA: embrioni con bassa intelligenza

DNA: embrioni con bassa intelligenza. Un test li individua

DNA: Embrioni con bassa intelligenza si possono individuare grazie ad un test.

La procedura fa discutere: “IMMEDIATAMENTE FA SORGERE OGNI TIPO DI DOMANDA SULL’EUGENETICA.” così afferma David Keefe.

DNA: Embrioni con bassa intelligenza

13 NOVEMBRE 2019

In conformità a quanto affermato, sulla possibilità che un test individui, determinate categorie di embrioni, si avvia un’opinabile controversia sulle startup; che affermano di essere in grado di determinare anche quanto intelligente diventerà un embrione IVF congelato, se poi portato a termine. Nonostante la discutibilità della procedura, molte persone, genitori e futuri genitori, si sono lasciati tentare dal nuovo esperimento.

A offrire questo genere di test, è la Genomic Prediction; una tra le più importanti aziende operanti nel settore. Promettono di scansionare embrioni per malattie genetiche e altre patologie. E inoltre, offrono specifici indicatori genetici.

Rilevatori che permettono di vedere, in un futuro bambino, se sarà al di sotto dell’indicatore del 2% dell’intelligenza.

Il MIT Technology Review, riporta che il co-fondatore di Genomic Prediction- Stephen Hsu – sfrutta spesso i media per proporre e discutere dei test; maggiormente per esporre le apparenti probabilità di riuscita.

Ma è fatto noto che, con l’attuale tecnologia, tutto risulti un po’ improbabile. Infatti, i dubbi a suo carico sono diversi. Ciò fa pensare che usi i mezzi di comunicazione solo per pubblicizzare le proprie ricerche.

David Keefe, presidente di ostetricia e ginecologia presso il centro di fertilità della New York University a tal proposito ha affermato:

Immediatamente fa sorgere ogni tipo di domanda sull’eugenetica“.

I test

Genomic Prediction offre ai clienti “pagelle” con i risultati dei suoi test; offrendo potenziali avvertimenti, su quali embrioni possono avere “scarsa intelligenza”. E, soprattutto, verte i suoi risultati a comunicare quali di essi siano destinati a vita breve o ad avere patologie come ad esempio il diabete.

Ma questi rapporti, sono probabilmente il risultato di una startup desiderosa di raccogliere, a più giri i finanziamenti alla ricerca; questo con risultati “sorprendenti” basati su una scienza fragile ed estremamente limitata.

“È irresponsabile suggerire che la scienza è nel punto in cui siamo; in grado di prevedere in modo affidabile quale embrione selezionare per ridurre al minimo il rischio di malattia“. Ha detto al MIT Tech Review il genetista dell’Università di California, Graham Coop .

La scienza, semplicemente, non è ancora in grado di apportare tali evoluzioni.”

Leggi anche come la rete neurale artificiale si sviluppa in sistemi complessi.

Ultimi post

Breaking News

Ultimi Articoli: