Coronavirus: la metà dei decessi sono stati registrati nelle case di cura

Coronavirus: la metà dei decessi sono stati registrati nelle case di cura

Circa la metà di tutti i decessi legati al Coronavirus sembrano essersi verificati nelle case di cura in alcuni paesi europei, secondo i primi dati raccolti da accademici con sede nel Regno Unito. I dati dell’istantanea da varie fonti ufficiali mostrano che in Italia, Spagna, Francia, Irlanda e Belgio tra il 42% e il 57% dei decessi per virus sono avvenuti nelle case, secondo il rapporto degli accademici della London School of Economics (LSE ).

Si ritiene che i dati ufficiali pubblicati per le case di cura in Inghilterra e Galles sottostimino significativamente i decessi nel settore, con l’Ufficio per le statistiche nazionali che registra solo 20 decessi correlati al coronavirus in tutte le case di cura nella settimana terminata il 27 marzo. I nuovi dati dovrebbero essere pubblicati martedì, ma è improbabile che siano aggiornati. La scorsa settimana l’ente industriale Care England ha dichiarato al The Guardian che la cifra totale si stava probabilmente avvicinando a 1.000, con decessi che hanno raggiunto cifre doppie in numerose case di cura. Nel fine settimana sono emersi i dettagli di altri decessi, tra cui 12 residenti morti nella casa di cura di Stanley Park da 71 posti nella contea di Durham, e secondo quanto riferito ci sono stati cinque decessi alla Almond Court di Glasgow.

Le vittime da Coronavirus

La scorsa settimana, il Prof. Chris Whitty, Chief Medical Officer per l’Inghilterra, ha affermato che poco più del 9% delle case di cura aveva casi di Covid-19. Ma la diffusione del virus e la sua letalità nelle case di cura in cinque paesi dell’Unione Europea sembrano essere più elevate, secondo gli accademici che chiedono dati migliori nel Regno Unito e una risposta più urgente alla crisi nelle case di cura. Nella sua prima revisione delle prime prove internazionali, i ricercatori dell’International Long Term Care Policy Network (LTCPN) hanno scoperto che i dati più affidabili erano disponibili in Irlanda dove, a partire da sabato, il 54% dei decessi per coronavirus si è verificato nelle case di cura, secondo figure governative centralizzate.

Le cifre provengono da fonti diverse e gli accademici sottolineano che le differenze nei test di disponibilità, politiche e approcci per la registrazione dei decessi rendono difficile il confronto internazionale. Ma una delle autrici del rapporto, Adelina Comas-Herrera, della politica di assistenza e centro di valutazione della LSE, ha affermato che, data la situazione in rapido movimento “stiamo provando a documentarlo mentre accade e a condividerlo. Se aspettiamo standard di prova perfetti, sarà troppo tardi per fare la differenza“, ha detto.

Per me dimostra che dovremo dare pari risorse nell’affrontare Covid tra il SSN e l’assistenza sociale. Le case di cura sono luoghi in cui l’allontanamento fisico è quasi impossibile. È come una tempesta perfetta: una popolazione sensibile, che non è in grado di attuare le misure e che il personale non è ben supportato e sufficientemente addestrato. Molti membri del personale sono assistenti con scarse conoscenze mediche“.

 

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Studente di ingegneria meccanica, appassionato di tutto ciò che riguarda i motori, la tecnologia e la musica