cancro ai testicoli

Cancro ai testicoli: come influisce la MARIJUANA

In base ad una recente ricerca, emerge che il cancro ai testicoli sembra essere collegato all’uso della Marijuana.

Cancro ai testicoli e l’uso pesante della sostanza psicoattiva

Un nuovo studio condotto ad ampio raggio, grazie ai nuovi strumendi ad alta tecnologia, hanno collegato come, il frequente consumo di erba, aumenti il fattore di rischio per il cancro ai testicoli. Prevalentemente nei fumatori assidui.

L’indagine ha posto in esame, il tipo di uso pesante; ovvero l’equivalente di fumare una canna piena ogni singolo giorno, per un decennio.

Attenzione: essendo questi i presupposti, chi consuma erba ogni tanto, (a meno che non abbia personalmente un ingente rifornimento di questa sostanza psicotropa) non deve andare nel panico.

Lo studio rileva e ammonisce i consumatori accaniti. In quanto, il rischio di sviluppare il cancro ai testicoli aumenta di circa il 36%.

Tuttavia, il dato non sta a indicare che un fumatore su tre, svilupperà il cancro. Piuttosto, che l’attuale rischio di base, di evoluzione della malattia ai testicoli, aumenti di circa un terzo.

I ricercatori, nonostante tutto, hanno sostenuto, che dovranno condurre ricerche più specifiche prima di poter parlare definitivamente dei rischi. E inoltre di quelle che sono le complicate implicazioni per la salute sull’uso esagerato di marijuana.

La ricerca, pubblicata il mese scorso sulla rivista JAMA Network Open, è stata una revisione sistematica che ha cercato le tendenze tra 25 studi e set di dati esistenti. Informazioni che coprono gli ultimi 50 anni.

Questo sta a significare che lievi differenze nella metodologia, rendono più difficile trarre conclusioni definitive .

In generale, è stato difficile studiare l’impatto della marijuana sulla salute.

A dimostrazione che molti dei nostri presupposti sul farmaco, si basano su esperimenti limitati. Oppure su conoscenze aneddotiche. La nuova analisi non ha correlato l’erba con nessun altro tipo di cancro. Ma ciò non significa che non esistano collegamenti.

Parla il capo ricercatore del Memorial Sloan Kettering Cancer Center

“Mi dispiacerebbe per le persone, se interpretassi l’uso di marijuana come completamente sicuro”; afferma Deborah Korenstein . “Il fatto è che non sappiamo molto sull’impatto che la sostanza ha, sull’uso pesante. Dall’uso in giovane età o dell’uso sui non fumatori.”

Articolo consigliato. Una svolta: Neuroni artificiali per curare le malattie.

Autore dell'articolo: redazione