Apple acquista una Startup italiana

Apple, acquista una Startup italiana

Apple fa spesa in Italia. Prima Roma, poi Londra e San Francisco, adesso sbarca a Cupertino. Sono queste le coordinate di Stamplay, startup italiana che si occupa di sviluppo in cloud e realizzazione di App senza ricorrere al codice.  Ad acquistare Stamplay è stata niente poco di meno di Apple, regina di Wall Street e modello tech per antonomasia. Insomma un passo che da enorme prestigio alla startup italiana. Un’operazione davvero importante, che secondo quanto riferito da startup italia si aggirerebbe sui 5 milioni di euro, con un accordo che prevede anche la permanenza dei fondatori della stessa all’interno della società. Loro diventano ufficialmente dei dipendenti di Apple.

La storia della Startup

I fondatori di Stamplay sono Nicola Mattina e Giuliano Iacobelli. La società agli albori, si era affidata anche alla piattaforma di equity crowdfunding Seedrs, che comunque gli ha consentito di crescere, anche economicamente. Oggi Stamplay vanta tre sedi: una a Roma, dove si trova l’area Research&Development, una Londra e una San Francisco, dove si occupano di Business Development. Negli anni ha attirato le attenzioni di molti investitori, vincendo premi e ricevendo finanziamenti anche importanti. La notizia dell’acquisto da parte di Apple, arriva come una vera e propria consacrazione.

Cosa fa Stamplay

“Automate your business”, questa è la parola d’ordine immessa sul mercato da questa startup. Perché è proprio questo, quello che fa Stamplay. L’opportunità, i due founder, l’hanno intravista nel mondo delle Application Programming Interface e nella capacità di poter stravolgere proprio il mondo delle App. Bandite quindi le noiose ripetizioni di codice, in fase di programmazione. Tutto annullato con la presenza delle Api corrette. Così Stamplay ha catalizzato le attenzioni di mezzo mondo. Apple aveva già fatto spesa in Italia, acquisendo altre Startup nostrane di qualità, ed in grado di sviluppare progetti interessanti e vincenti.

 

Autore dell'articolo: redazione

Avatar