Alzheimer

Alzheimer, uno studio trova le cellule responsabili

Utilizzando un metodo estremamente preciso per isolare le cellule chiamate “microdissection capture laser“, i ricercatori hanno esaminato tre tipi specifici di cellule: microglia, astrociti e neuroni.

L’analisi ha interessato il tessuto cerebrale di individui con una diagnosi patologica della malattia di Alzheimer e li hanno confrontati con il cervello di campioni sani e quelli con malattia di Parkinson.

Dopo il sequenziamento di ciascuno di questi tipi di cellule, il team di ASU-TGen ha rilevato l’alterazione dell’ ANK1  un tipo di cellula immunitaria trovata nel cervello e nel sistema nervoso centrale.

“Anche se precedenti studi di associazione genetica e epigenetica hanno mostrato una significativa associazione tra ANK1 e AD, non sono stati in grado di identificare la classe di cellule che potrebbero essere responsabili di tale associazione a causa dell’uso di homogenati cerebrali. Microglia sono la fonte dei modelli di espressione differenziale osservati in precedenza nel gene ANK1 nella malattia di Alzheimer “, ha affermato il dottor Diego Mastroeni, assistente di ricerca presso il centro di ricerca neurodegenerativa di ASU-Banner di Biodesign e l’autore principale dello studio.

Tutti e tre i tipi di cellule in questo studio sono stati ricavati dall’ippocampo, una piccola struttura a forma di sagoma a forma di cavalluccio marino. Nell’ippocampo risiede profondamente nel cervello umano e svolge ruoli importanti nel consolidamento della memoria sia a breve che a lungo termine e nella memoria spaziale che consente al corpo di navigare.

Nella malattia di Alzheimer l’ippocampo è una delle prime regioni del cervello a subire danni, con conseguente perdita di memoria a breve termine e disorientamento.

“Mostriamo che nell’ippocampo, ANK1 è notevolmente aumentato quattro volte nella microglia di Alzheimer, ma non nei neuroni o negli astrociti degli stessi individui”, ha affermato il dottor Winnie Liang, Direttore TGen Scientific Operations e Direttore del Centro di sequenziamento collaborativo di TGen. “Questi risultati sottolineano che l’analisi di espressione di classi definite di cellule è necessaria per capire quali geni e le vie sono disregulati in Alzheimer”.

Dato che lo studio ha rilevato che ANK1 è aumentato di due volte nella malattia di Parkinson, “questi dati suggeriscono che le alterazioni di ANK1, in locazione in microglia, non possono essere specifiche della malattia, ma piuttosto una risposta o fenotipo associato alla neurodegenerazione”.

Più di 5 milioni di americani soffrono di Alzheimer, un disordine cerebrale irreversibile e progressivo che distrugge lentamente la memoria, la capacità di pensare e, infine, la capacità di condurre anche i più semplici compiti. Per la maggior parte dei pazienti, i sintomi appaiono per la prima volta alla metà degli anni ’60. Per gli americani più anziani, è la terza causa principale della morte, a seguito di malattie cardiache e cancro, secondo i National Institutes of Health.

fonte

 

© Matteo Incani – Riproduzione Riservata

Ultimi post

Breaking News

Ultimi Articoli:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: