TOI 700 d

TOI 700 d, un esopianeta probabilmente abitabile

Gli esopianeti (pianeti situati al di fuori dal sistema solare) sono estremamente affascinanti. Hanno le caratteristiche più disparate ed anche caratteristiche insolite e molto bizzarre. Sono inoltre, alcuni di loro, ottimi candidati per ospitare forme di vita aliene. Su questo discorso extraterrestre bisogna citare l’esopianeta TOI 700 d; scoperto recentemente.

TOI 700 d, un nuovo pianeta scoperto dal satellite TESS

L’annuncio di questa scoperta è stato fatto ieri dalla NASA. Questo straordinario pianeta è stato scoperto utilizzando il telescopio spaziale TESS, utilizzato proprio per cercare nuovi pianeti. La caratteristica straordinaria di TOI 700 d è che ha le giuste condizioni per ospitare un qualche tipo di forma di vita. Inoltre è situato a circa 100 anni luci dal nostro pianeta. In linea di massima è come un gemello del nostro pianeta.

Le caratteristiche dell’esopianeta TOI 700 d

Il pianeta in questione merita la nostra attenzione perché innanzitutto si trova nella cosiddetta zona abitabile. È grande il 20% in più rispetto alla Terra. Riceve inoltre l’86% dell’energia che riceve il nostro pianeta dal Sole; la sua stella (una nana rossa situata nella costellazione del Dorado), poi, è poco più piccola del nostro Sole e TOI 700 d orbita intorno ad essa (insieme ad altri due esopianeti, sempre scoperti dal TESS. Però solo il d potrebbe ospitare forme di vita) in soli 37 giorni. In pratica è simile ma anche diverso dal nostro pianeta, ma si trova nella posizione giusta e riceve la giusta quantità di energia dalla propria stella per permettere il proliferare della vita. In base ad alcune simulazioni fatte dai ricercatori si è potuto capire che il pianeta in questione anzitutto è ricoperto da oceani e possiede inoltre un’atmosfera densa e ricca di anidride carbonica, utilissima alle forme di vita. Tutte queste caratteristiche spaziali, fisiche e chimiche sono un mix straordinario che può permettere la nascita e la sopravvivenza della vita, che può adattarsi a svariate condizioni.

Conclusioni

In conclusione diciamo che TOI 700 d è davvero un ottimo pianeta per ospitare vita extraterrestre. Ha tutte le carte in regola per riservare moltissime sorprese. Ovviamente, a parte le simulazioni, il pianeta necessita ancora di molto studio e capire effettivamente come è fatto e le sue caratteristiche precise (per esempio anche la forza di gravità, la temperatura, i gas e così via), ma la nostra fortuna è che è “abbastanza vicino” al nostro pianeta ed è più “semplice” da esaminare. Ecco alcune dichiarazioni rilasciate dalla NASA:

“Si tratta di un pianeta delle dimensioni della Terra e posto a una distanza dalla sua stella che lo rende potenzialmente abitabile per temperatura e luce”

Per concludere questo pianeta ha alte probabilità di ospitare vita e forse proprio adesso è presente. Non ci resta che attendere altre notizie, ma per avere una definitiva ufficializzazione dell’esistenza di vita aliena ci vorranno ancora molti anni; per vari motivi (facili da dedurre) la sua esistenza è tenuta nascosta, ma vi garantiamo che, sommando la grandissima quantità di prove, esite senza dubbio la vita extraterrestre.

 

Sito ufficiale della NASA: https://www.nasa.gov/

Ti potrebbe interessare: https://technoblitz.it/avvicinarsi-agli-esopianeti-grazie-alla-luce-stellare/

Autore dell'articolo: Gioacchino Savarese

Avatar
Gioacchino Savarese nasce il 26 maggio 1995 a Nocera Inferiore. Fin da subito è appassionato di misteri, scrittura e scienza. Le sue passioni e i suoi sogni si sono materializzati il 16 maggio 2015 con la creazione del Blog intitolato "I Misteri Del Mondo e Dell'Universo", inoltre ha un canale You Tube (adesso chiamato Specialid) e una Pagina Facebook omonimi. Inoltre ha pubblicato un libro il 19 luglio 2017 intitolato "I MISTERI DELLA VITA NELL'UNIVERSO". Il 27 giugno 2019 ha pubblicato il suo secondo libro: DIARIO DI UN SOLDATO. Il 30 ottobre 2019 ha creato il suo nuovo blog, chiamato Specialid, anche la sua pagina Instagram si chiama Specialid. Continua tuttora la sua ricerca nel mistero, nelle sue attività e a scrivere.