navicella cassini Titano luna saturno

Navicella Cassini: strani eventi su Titano, la luna “ghiacciata” di Saturno.

Grazie agli sforzi della NASA e della sua incredibilmente affidabile navicella Cassini, ora sappiamo più che mai su Saturno e le sue lune, ma sembra che ci siano ancora delle sorprese in serbo per gli scienziati che studiano il pianeta e i suoi satelliti naturali. Una nuova ricerca degli scienziati dell’Università di Bristol ha rivelato una strana stranezza con la più grande luna di Saturno, Titano, e balza di fronte a tutto ciò che la scienza ha predetto.

Sembra che le regioni polari di Titano abbiano una personalità piuttosto imprevedibile, e le osservazioni fatte da Cassini hanno mostrato che un punto caldo atteso vicino al polo di Titano si era trasformato rapidamente in un gelido vortice polare. Ciò è in contrasto con quanto suggerito dalle precedenti osservazioni, soprattutto considerando che lo stesso punto si stava facendo più caldo di recente fino alla fine del 2009. Ora, i ricercatori pensano di avere una spiegazione.

Navicella Cassini: punto caldo atteso vicino al polo di Titano si e trasformato rapidamente in un gelido vortice polare.

L‘attuale ipotesi migliore per lo strano comportamento del polo di Titano è che le sostanze chimiche nella sua atmosfera sono responsabili della tendenza al freddo.

“Per la Terra, Venere e Marte, il principale meccanismo di raffreddamento atmosferico è la radiazione infrarossa emessa dal gas tracciante CO2 e poiché la CO2 ha una lunga vita atmosferica è ben miscelata a tutti i livelli atmosferici ed è difficilmente influenzata dalla circolazione atmosferica,” Dr Nick Teanby, autore principale dello studio, spiega. “Tuttavia, su Titano, le reazioni fotochimiche esotiche nell’atmosfera producono idrocarburi come etano e acetilene e nitrili inclusi acido cianidrico e cianoacetilene, che forniscono la maggior parte del raffreddamento.”

Utilizzando un modello basato sui dati raccolti da Cassini, il team è stato in grado di dimostrare che il miscuglio incredibilmente unico di sostanze chimiche sulla regione polare potrebbe effettivamente portare a bruschi cali di temperatura e a temperature atmosferiche estremamente rigide.

Via

Ultimi post

Breaking News

Ultimi Articoli:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: