Fitbit Charge 2: il miglior activity tracker?

Oggigiorno il mondo dei wearable è in forte espansione. Tra le categorie più acquistate ci sono gli activity tracker, semplici fitness band utili a monitorare, registrare e analizzare l’attività sportiva, come i prodotti Fitbit.

Fitbit Charge 2

246

Uno dei più famosi activity tracker è sicuramente il Charge 2, un comodo braccialetto in gomma zigrinato sulla parte esterna dalle molteplici colorazioni (nero/argento, prugna/argento, blu/argento, verde acqua/argento e due colorazioni “Special”: lavanda/oro rosa e nero/canna di fucile) con un display OLED tap-sensitive in cui visualizzare le informazioni sull’attività svolta. È presente una ‘clip’ per allacciare il bracciale in maniera molto salda, realizzata in alluminio che da l’aspetto al fitbit di un classico orologio. Il cinturino ora, rispetto al charge hr di precedente generazione, è intercambiabile.

Il Fitbit Charge 2 può funzionare anche senza connettersi ad uno smartphone ma per la sincronizzazione sarà necessario associarlo (è pienamente compatibile con iOs e Android!). Sul Play Store e sull’App Store è possibile scaricare l’app ufficiale Fitbit che vi permetterà di sincronizzarlo correttamente.

Quali sono le principali funzionalità del Fitbit?

Molto simili al modello precedente ma con qualche chicca in più:

1) Monitoraggio del battito cardiaco basato su tecnologia PurePulse®: monitora il battito cardiaco h24 dal polso tenendo sotto controllo le calorie bruciate e dando un quadro più completo della salute, tutto senza una fascia toracica.

2) Modalità Multi-Sport e GPS condiviso: registra allenamenti specifici, come corsa, pesi o yoga, per visualizzare le tue statistiche di allenamento direttamente sul display. Per visualizzare le statistiche della corsa in tempo reale direttamente dal polso e una mappa del percorso dopo l’esercizio svolto, è necessario collegarsi tramite il GPS dello smartphone
Una delle chicche del fitness tracker è la funzione SmartTrack. Essa registra automaticamente determinati allenamenti, come escursioni, bicicletta, sport anche quando ci si dimentica di registrare l’esercizio.

3) Avvisi di chiamata, SMS e calendario: se il FitBit è collegato tramite Bluetooth con lo smartphone e ricevete una chiamata, l’activity tracker vibrerà una volta mostrandovi il nome di chi sta chiamando. Non è possibile tuttavia rispondere direttamente dal FitBit.

4) Livello di attività aerobica: altra importante funzione del dispositivo è quella di tenere traccia di passi (tramite il movimento del braccio a cui è legato), distanza, calorie bruciate, piani saliti, minuti attivi e attività oraria con una durata della batteria dichiarata fino a 5 giorni.

Ok, ma è perfetto? 

Certamente è un ottimo fitness tracker ma non c’è mai limite alla perfezione. Basterebbero, a parer mio, alcune piccole aggiunte per trasformarlo in un ibrido tracker/smartwatch.

Come migliorarlo?

Con l’acquisizione da parte di FitBit di Pebble ci si aspetta un ulteriore passo in avanti, inserendo in un modello futuro magari il microfono (come in vari modelli prodotti prodotti da Pebble) utile per rispondere direttamente dallo smartwatch a chiamate o SMS/WhatsApp vocalmente. Non ci resta che aspettare e vedere!

Autore dell'articolo: Simone Quaglia