anticoagulanti

Anticoagulanti, in UK prescritti contro i consigli di sicurezza

Uno studio riferito alla sanità inglese, condotto da ricercatori dell’Università di Birmingham ha dimostrato che i medici di medicina generale prescrivono anticoagulanti a pazienti con un battito cardiaco irregolare contro i consigli di sicurezza ufficiali.

Lo studio, pubblicato nella British Journal of General Practice, è stato condotto da ricercatori presso l’Istituto di Ricerca per la Salute Applicata dell’Università di Birmingham.

Le linee guida sulle migliori pratiche raccomandano che farmaci anticoagulanti come il warfarin siano prescritti ai pazienti con fibrillazione atriale (AF), una condizione cardiaca che provoca un battito cardiaco irregolare.

Il primo autore, il dottor Nicola Adderley, ha dichiarato: “Questi pazienti sono ad alto rischio di ictus e i farmaci anticoagulanti riducono notevolmente il rischio di ictus in quanto rendono il sangue meno probabile di coagulazione.

“Tuttavia, perché riducano la coagulazione del sangue, i pazienti che assumono farmaci anticoagulanti sono a rischio di complicazioni emorragiche.

“Pertanto, il consiglio sulla sicurezza è quello di evitare anticoagulanti nei pazienti che presentano determinate condizioni quali un’ulcera peptica sanguinante, malattie degli occhi diabetiche o un precedente ictus causato da un emorragia”.

I ricercatori hanno esaminato i record di pazienti da 645 pratiche generali su un periodo di 12 anni tra il 2004 e il 2015. Essi hanno scoperto che i pazienti con fibrillazione atriale con condizioni a rischio e quelli senza rischi erano quasi ugualmente avevano la stessa probabilità di avere prescrizione di anticoagulanti.

L’autore corrispondente, il professor Tom Marshall, ha dichiarato: “Il nostro studio dimostra che i consigli di sicurezza non sembrano influenzare la prescrizione di anticoagulanti.”

“Abbiamo riscontrato che i pazienti considerati a rischio avevano la stessa probabilità che gli venissero prescritti i farmaci come a quelli senza rischi e questo si è verificato ogni anno tra il 2004 e il 2015.

“Dato che gli anticoagulanti impediscono l’arresto cardiaco nelle persone con questo tipo di impulso irregolare, i GP (medici di medicina generale inglesi, ndr) sono incoraggiati a prescrivere ulteriori anticoagulanti a coloro che ne hanno bisogno.

“Questo sta succedendo ed è una buona notizia, ma la punta nella coda è che più persone che forse non dovrebbero essere sugli anticoagulanti li stanno prendendo: circa 38.000 a livello nazionale.

“Dobbiamo capire le ragioni di questo e se i pazienti potrebbero arrivare a danni”, conclude Marshall.

Fonte

© Matteo Incani – Riproduzione Riservata

Ultimi post

Breaking News

Ultimi Articoli: