Coronavirus: restare incollato allo schermo aiuta a restare sano di mente

Coronavirus: restare incollato allo schermo aiuta a restare sano di mente

Dovremmo iniziare a usare il “distanziamento fisico” anziché il “distanziamento sociale” in questi tempi di pandemia da Coronavirus? Gli appassionati del cambiamento sostengono che, pur essendo fisicamente separati, possiamo ancora essere socialmente insieme. In questo modo possiamo connetterci e supportarci a vicenda anche quando si evitano i contatti faccia a faccia.
Certo, non sono la stessa cosa, ma è pur sempre meglio di niente. Si tratta di una realtà che è particolarmente significativa per i bambini e i giovani.

Il contatto sociale e la stimolazione danno forma alle nostre vite fin dall’inizio. Quando hanno pochi mesi, i bambini iniziano a interagire con il mondo sociale che li circonda, partecipando per primi alle interazioni più semplici attraverso gesti ed espressioni facciali. Da quel momento in poi le nostre vite sono governate da ciò che ci circonda: determinano il modo in cui impariamo, sviluppiamo e sentiamo.

La ricerca sugli animali strazianti studiata da studenti universitari di psicologia in tutto il mondo mostra come la privazione del contatto sociale durante l’infanzia e l’adolescenza possa avere effetti negativi sullo sviluppo che si estendono fino all’età adulta.

Quindi, quanto dovremmo preoccuparci dell’attuale blocco e in che modo potrebbe influire su bambini e adolescenti? Innanzitutto, è importante riconoscere che la maggior parte di loro non trascorrerà il blocco privato di tutti i contatti sociali, come negli studi sugli animali, ma in stretta interazione con la propria famiglia. Ciò a cui sono specificamente bloccati è il contatto sociale con i loro pari.

Coronavirus: i benefici della tecnologia

L’importanza del contatto tra pari, soprattutto durante il Coronavirus, cambia durante lo sviluppo. Neonati e bambini dipendono principalmente dall’attenzione prestata da genitori o tutori, con l’importanza del contatto tra pari che cresce da quel momento in poi, raggiungendo probabilmente la sua massima importanza nell’adolescenza. A questa età, ti concentri sui tuoi coetanei. A sua volta, l’approvazione dei pari diventa particolarmente influente nel modellare le decisioni e il comportamento, mentre gli adolescenti iniziano a sondare il loro posto in un mondo sociale in maturità.

Mentre finora ci sono solo ricerche minime sul blocco, si potrebbe facilmente ipotizzare che gli adolescenti possano soffrire in modo particolare. Le prove che abbiamo sembrano puntare in quella direzione. Mentre uno studio su 60.000 persone in “quarantena” presso l’University College di Londra non ha esaminato i minori di 18 anni, ha scoperto che il più giovane nel campione (dai 18 ai 24 anni) soffriva di più, mostrando i più alti livelli di solitudine, mentre gli over 60 hanno mostrato i più alti livelli di soddisfazione nella vita.

Le prove aneddotiche dei genitori rafforzano l’opinione secondo cui spesso gli adolescenti hanno più difficoltà a separarsi dai loro amici. E sappiamo che la maggior parte dei problemi di salute mentale compaiono per la prima volta durante l’adolescenza. Eppure, al rialzo, viviamo anche in un momento in cui la società è più connessa digitalmente che mai. Tecnologie come i social media, le applicazioni di videochiamata, le chat di gruppo o i videogiochi social offrono il contatto senza che ci debba essere il contatto fisico. Le interazioni digitali possono farci sentire meno esclusi.

L’importanza dei contatti social ai tempi del Covid-19

Dato che il contatto è così importante per gli adolescenti, non sorprende quindi che negli ultimi decenni siano stati spesso tra i primi utenti diffusi di queste tecnologie sociali. E ora, il potenziale di queste innovazioni digitali per mitigare alcune delle conseguenze negative di bambini e adolescenti separati dai loro amici non dovrebbe essere sottovalutato.

Molti genitori sono preoccupati, ovviamente, per come il tempo passato dai loro figli avanti ad uno schermo durante questa crisi. Ma ora più che mai dobbiamo smettere di considerare come metrica preziosa il semplice tempo trascorso con la tecnologia: proprio grazie ad essi, è possibile limitare le condizioni di solitudine e a restare sani di mente.

Bisogna però fare attenzione, comunque, all’uso che se ne fa dei display. È la natura delle attività che si fanno con i display che determina come siamo influenzati dal loro uso. Quindi  genitori dovrebbero preoccuparsi meno del tempo trascorso dai loro figli sugli schermi e concentrarsi invece su ciò che stanno facendo. Attività come videochiamare amici, scambi tramite social media o giocare a Fortnite con gli amici online aiuteranno tutti i bambini e gli adolescenti a rimanere connessi durante il blocco legato al Coronavirus.

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Studente di ingegneria meccanica, appassionato di tutto ciò che riguarda i motori, la tecnologia e la musica