Viaggiare nel tempo è matematicamente possibile

Avete capito bene, la scienza afferma che esista la possibilità di tornare indietro nel tempo. Tutto fantastico, se non fosse per le diverse problematiche che si presentano nel lato pratico, attualmente insormontabili.

Un gruppo di fisici ha dato il nome di TARDIS, macchina del tempo presente nella serie televisiva Doctor Who, ad un ipotetico dispositivo in grado, appunto, di rendere possibile viaggiare nel tempo.

Il termine TARDIS sta a significare Traversable Acausal Retrograde Domain in Space-time. Andiamo quindi a vedere più nel dettaglio di cosa si tratta.

[wp_bannerize group=”banner nicholas 1″]

I ricercatori Ben Tippett e David Tsang hanno descritto l’ipotetico funzionamento di questa particolare macchina del tempo attraverso una formula matematica. Stando alle loro dichiarazioni, tale formula proverebbe la possibilità di viaggiare nel tempo.

La gente pensa che i viaggi nel tempo siano pura immaginazione, realizzabili soltanto nei film. Noi in primis tendiamo a credere che un simile viaggio non sia fattibile, non avendone ancora portato a termine alcuno. Tuttavia, matematicamente parlando, tutto ciò è possibile.

 

Cosa ci dice questa teoria sul viaggiare nel tempo?

In via molto restrittiva, la teoria si basa sulla curvatura dello spazio-tempo: secondo quanto dichiarato da Tippett, le quattro dimensioni di cui siamo a conoscenza (compreso il tempo) vanno immaginate come connesse le une alle altre. In questo modo (teoricamente) il tempo verrà piegato in un circolo attraversabile da un passeggero.

viaggiare
La teoria di Tippett e Tsang illustrata in via essenziale.

[wp_bannerize group=”banner nicholas 2″]

La persona all’interno dell’ipotetica macchina del tempo dovrebbe provare una persistente accelerazione. Guardando al di fuori della macchina, il passeggero vedrebbe il tempo scorrere al contrario.

In contemporanea, un osservatore esterno al sistema vedrebbe invece due diverse versioni del passeggero: una nella quale questo viaggerebbe avanti nel tempo ed una in cui lo farebbe nel passato.

Seppur le basi teoriche appaiano definite, non possiamo ancora sperare di compiere un viaggio nel tempo. Il problema principale sta infatti nel costruire la stessa macchina, la quale necessita della cosiddetta exotic matter per funzionare.

Siamo quindi ancora ben distanti dal poterci muovere nella dimensione temporale, ma, se in futuro si riuscisse a progettare la suddetta macchina del tempo, il grande sogno potrebbe diventare finalmente realtà.

 

 

Fonte: curiosity.com

Ultimi post

Breaking News

Ultimi Articoli: