Un modo migliore per misurare la pressione sanguigna

Parlando dei nostri amici oltreoceano, circa un americano su tre ha un’elevata pressione sanguigna.

I livelli di pressione sanguigna vengono spesso valutati utilizzando dispositivi automatici, tuttavia questi “presidi” sono soggetti a errori significativi.

Ora i ricercatori del Jerusalem College of Technology e dello Shaare Zedek Medical Center in Israele hanno sviluppato un metodo per misurare con maggior precisione la pressione sanguigna sistolica.

Una misura di pressione sanguigna sistolica di 140 mmHg o superiore e una misura diastolica di 90 mmHG o superiore (140/90 mmHg) è considerata alta. La pressione arteriosa viene solitamente valutata utilizzando un test manuale (ausculatorio) o automatico (oscillometria) in uno studio medico od ospedaliero.

Tuttavia, queste misurazioni possono essere influenzate dalla “sindrome del camice bianco”, la paura o l’ansia di un paziente per tale rilevazione. Per evitare l’effetto del cappotto bianco, le misurazioni automatiche a casa possono essere utili ma i misuratori automatici basati su oscillometri offrono un livello di precisione basso.

“La tecnica oscillometrica automatica è meno accurata della tecnica ausculatoria manuale”, ha affermato il dottor Meir Nitzan, primo autore del nuovo

pressione sanguigna
Credits: http://www.gizmodo.in/photo/20662127/indiamodo/Blood-pressure-watch-could-make-monitoring-cheaper-easier-more-accurate.jpg?112326

studio.

Un paziente con una diagnosi di ipertensione può vedersi prescritti in modo inutile farmaci per la regolazione: questi farmaci possono causare quindi un’ipotensione. Gli effetti collaterali dell’ipotensione possono includere sintomi a breve termine come vertigini e svenimenti e problemi a lungo termine come insufficienti rifornimenti di sangue agli organi vitali, che possono portare a lesioni renali acute e compromissione del cognitivo.

Il team di ricerca ha sviluppato un dispositivo, utilizzando una tecnica chiamata photoplethysmography, per misurare in misura più accurata la pressione sanguigna sistolica. Il dispositivo utilizza un bracciale di pressione avvolto attorno al braccio e una sonda elettro-ottica sul dito.

“La sonda delle dita è simile a quella del pulsossimetro: comprende una sorgente luminosa che emette luce nel dito e un rilevatore che misura la luce trasmessa attraverso il dito”, ha spiegato Nitzan. “La luce trasmessa mostra impulsi alla frequenza cardiaca, a causa dei cambiamenti di volume del sangue indotti dal cuore nel tessuto delle dita. Quando la pressione del bracciale aumenta sopra la pressione sanguigna sistolica, questi impulsi scompaiono e quando la pressione del bracciale diminuisce al di sotto della pressione sanguigna sistolica Riappare. Questo effetto consente di determinare la pressione sanguigna sistolica “.

FOnte

© Matteo Incani – Riproduzione Riservata

Autore dell'articolo: Matteo Incani

Avatar
Studente di Ingegneria Meccanica, Perito Informatico e soccorritore con la passione per la tecnologia come ausilio al lavoro. Tento quotidianamente di diffondere l'informatica e la scienza rendendole di facile comprensione. Vuoi farmi una donazione? Utilizza questo link: https://www.paypal.me/MIncani/1