Facebook

Facebook, nuovo scandalo foto

Facebook, il noto social network, è di nuovo nell’occhio del ciclone. Dopo lo scandalo di Cambrige-Analityca, con i dati degli utenti messi a disposizione di questa società, ora per il colosso Americano lo scoppia uno scandalo relativo alle foto NON pubblicate. Pare infatti che a causa di un Bug, le foto di 6,8 milioni di […]

Facebook Marketplace partenza infelice

Partenza falsa per Facebook Marketplace

La vendita di oggetti tra privati sul web è sempre stata un’attività molto sviluppata. Sono tantissimi i siti che infatti offrono tale opportunità. Anche se non è nato per questo scopo Facebook, grazie alla sua capillare diffusione, è stato spesso utilizzato come “vetrina”, per mettere in mostra i prodotti che si cercava di vendere e per stabilire un contatto con i possibili compratori.

A detta dell’azienda stessa sono 450 milioni gli utenti che mensilmente vendono o scambiano oggetti sul sito.

Ora il social network più famoso del mondo ha inaugurato una sezione apposita, proprio per accontentare tutti coloro che vorranno sfruttare il sito per vendere i propri prodotti. Si chiama appunto FACEBOOK MARKETPLACE ed è studiata appositamente per generare una home page con i prodotti in vendita che cambiano in base ai gusti dell’utente, prendendo spunto dai gruppi a cui si è iscritti o ad eventuali acquisti precedenti.

Quello che però non si aspettavano i creatori del servizio era che, a meno di una settimana dal lancio ufficiale, la società di Mark Zuckerberg fosse costretta a rilasciare pubbliche scuse.

IL FATTACCIO

E’ successo infatti che, a causa di un problema tecnico, il sistema di revisione dei post non ha potuto identificare quelli che violavano le politiche commerciali e gli standard stabiliti dalla società stessa.

In vendita quindi sono finiti anche beni e servizi vietati: armi, droghe illegali e prestazioni sessuali erano finite liberamente in vendita sul social network!!

Le Scuse

Una volta accertata la grave violazione Mary Ku, direttrice della gestione del marketplace, non ha potuto far altro che rilasciare una dichiarazione di scuse:

“Stiamo lavorando per risolvere il problema e controlleremo da vicino i nostri sistemi per avere la certezza che stiamo individuando e rimuovendo correttamente le violazioni, prima di dare a un numero maggiore di persone l’accesso a facebook marketplace, ci scusiamo per questo problema”.

Leggi di più a proposito di Facebook Marketplace partenza infelice