Shock nel mondo della scienza

Shock nel mondo della scienza: He-CRISPR controverso

Ed è shock nel mondo della scienza, inorridita dal metodo He-CRISPR che lascia gli studiosi basiti.

Il metodo, che presenta a detta degli esperti, punti poco chiari non sembra dimostrare in maniera concreta e tangibile la sua efficacia.

Un esperimento dunque controverso quello dello scienziato cinese He Jiankui, riguardante i primi bambini con modifica dei geni. Metodo che è stato senza dubbio una delle storie scientifiche di maggiore impatto dell’anno scorso.

Nonostante molte figure rilevanti del settore, siano perplesse; e nonostante l’attenzione ricevuta dalla comunità medico-scientifica di tutto il mondo, il documento dettagliato non è mai stato effettivamente edito.

La scorsa settimana, il MIT Technology Review, ha pubblicato qualche estratto del manoscritto del dott. He Jiankui.

La pubblicazione, il cui titolo è “Nascita dei gemelli dopo l’editing del genoma per la resistenza all’HIV“, è condiviso con il rappresentante di uno studio legale; un medico specializzato in fecondazione in vitro, un embriologo e uno specialista di editing genetico.

Le relazioni dei professionisti coinvolti, sono state tutt’altro che positive. Avvalorando così le reazioni degli esperti, in base alle quali, lo studio del bambino del dottor. He-CRISPR era un incubo etico assoluto.

Secondo il MIT, si evidenziano 13 problemi ben delineati nel documento. Fra questi, uno grava maggiormente: il fatto di non essere riusciti a dimostrare la validità di questa procedura.

In altre parole, i ricercatori della tecnica sperimentale, non sono mai riusciti ad arguire, le loro affermazioni secondo cui l’esperimento aveva “successo“.

Ad aggravare la situazione, il sospetto che l’équipe medica e lo stesso He Jiankui, abbiano deliberatamente omesso dettagli e nascosto informazioni importanti.

Ad esempio, non compaiono i nomi dei ricercatori e/o co-autori coinvolti nell’esperimento.

Shock nel mondo della scienza: i dubbi degli esaminatori

In altri casi, il team del dottor. He, sembra aver mentito palesemente; osservando ad esempio, nel manoscritto che i gemelli sono nati nel novembre 2018. Ma quelli che hanno familiarità con l’esperimento, affermano che la nascita risalga al mese di ottobre.

Gli esperti hanno detto al MIT Tech Review, che leggere la relazione, documentata sul lavoro dello scienziato, li ha lasciati preoccupati su più fattori. In primo luogo che i medici coinvolti nell’esperimento potrebbero non aver nemmeno saputo cosa stava succedendo. Ed ancora che i genitori coinvolti nello studio sul bambino CRISPR, non erano affatto interessati che la prole non ereditasse l’HIV del padre. Bensì, gli interessava solamente ottenere l’accesso alla fecondazione in vitro.

Mi stavo avvicinando a questo documento; speravo di vedere un approccio riflessivo e attento all’editing genetico negli embrioni umani“. Ha detto al MIT Tech Review Mita Rita Vassena, direttore scientifico della società di riproduzione assistita Eugin Group.

Sfortunatamente, sembra più un esperimento alla ricerca di uno scopo“. Ha continuato, “Un tentativo di trovare un motivo difendibile per utilizzare la tecnologia CRISPR / Cas9 negli embrioni umani a tutti i costi; piuttosto che un coscienzioso, attentamente pensato, passo dopo passo approccio alla modifica del genoma umano per le generazioni future. “

Autore dell'articolo: redazione