RUMORS: Samsung lavora al Note 8?

Contrariamente alle prime indiscrezioni in seguito al misfatto del Samsung Galaxy Note 7, la casa coreana pare abbia scelto di realizzare  il nuovo top di gamma della serie Note. Per ora si tratta solo di rumors anche se, una mezza rivelazione, arriva da un funzionario del settore tecnologico mobile dell’azienda coreana: mentre il Galaxy S8 dovrebbe essere lanciato nel mese di aprile, il Note 8 tra agosto e settembre.

Oltre dunque al Samsung S8 pare che ci sia la possibilità di vedere, per la felicità di tutti gli amanti della serie Note, il Re dei phablet.

[maa id=’1′]

Note 8: le presunte specifiche

Gli ultimi rumors sul Samsung Galaxy Note 8 parlano di una scheda tecnica che sembra essere incredibile: display edge to edge da 5.7 pollici (o addirittura da 6.2 pollici) UHD 4K, Snapdragon 835 con architettura a 10 nanometri, 6 o addirittura 8 GB RAM. Lato connettività, come immaginabile, troveremo wifi a/b/g/n/ac, Bluetooth 5.0 e NFC. Come per la serie S, anche questo modello sarà dotato del “vecchio” jack da 3.5.  Come il Note 7, sarà certificato IP68.

Ovviamente a bordo ci sarà Android Nougat, sembra nella versione 7.1.1. Immancabile invece sarà la S-Pen, marchio storico della serie Note.

E le batterie, problema dell’ultimo top di gamma?

Al posto della Amperex Technology, ritenuta colpevole delle batterie difettose, Samsung sarebbe indecisa se utilizzare le batterie di LG Chemical per il Galaxy Note 8. Secondo una fonte coreana, l’accordo tra le due aziende non è stato ancora concluso, ma ci sono buone possibilità che vada in porto. Oltre a Samsung SDI, pare sia percorribile anche l’alternativa Murata Manufacturing Works, già fornitore per le batterie del nuovo Galaxy S8 .

 

Prezzo

Disponibile nelle colorazioni Blue Coral, Gold Platinum, Silver Titanium, Black Onyx, il prezzo di vendita sfiorerà il 1000€
Fateci sapere cosa ne pensate tramite i commenti e seguiteci tramite la pagina Facebook, la pagine di YouTube e l’applicazione ufficiale presente sul Google Play Store

Autore dell'articolo: Simone Quaglia

Avatar