pneumatici superelastici NASA

Pneumatici “superelastici” della NASA: reinventando la ruota nel 2017

Le menti innovative del Glenn Research Center della NASA hanno sviluppato uno pneumatico che potrebbe reinventare la ruota. I “pneumatici superelastici” sono semplici nel design ma in grado di gestire terreni difficili. ‘Primavera’ a ‘Superelastico’

A metà degli anni 2000, il NASA Glenn Research Center e Goodyear svilupparono il “pneumatico di primavera”, un pneumatico non pneumatico costituito da diverse centinaia di acciai a spirale. Ha la capacità di supportare carichi pesanti pur conformandosi a diversi terreni, anche su terreni accidentati e sabbia. Tuttavia, mentre il “pneumatico di primavera” si è comportato in modo ammirevole durante i test, i fili di acciaio si sono deformati durante il lancio di una simulazione del terreno marziano.

Svilupparono ulteriormente le “Spring Tires” e sostituirono i fili di acciaio con una lega a memoria di forma, che poteva gestire 30 volte la deformazione senza subire deformazioni permanenti, una sostituzione che portò alla “Superelastic Tyres”.

‘Pneumatici superelastici’ il nuovo design può sopportare fino al 10% di deformazione, rendendo praticamente impossibile la deformazione.

Proprio come con “Spring Tires”, uno guarda i “Pneumatici Superelastici” e saprà che è completamente diverso dai pneumatici che sono conosciuti e usati nei veicoli ogni giorno. I “Pneumatici Superelastici” sembrano stranamente come armature di cotta di maglia e, in qualche modo, si comportano allo stesso modo perché il design non pneumatico delle gomme consente di attraversare terreni accidentati senza la minaccia di essere forati.

Come accennato, i pneumatici sono realizzati in nichel titanio, una lega a memoria di forma che è in grado di resistere a sforzi significativi reversibili. Rispetto ai materiali elastici comunemente usati, che possono sopportare solo dallo 0,3 fino allo 0,5% di deformazione prima di cedere, il nuovo design può sopportare fino al 10% di deformazione, rendendo praticamente impossibile la deformazione.

Le nuove gomme sono sicure da usare perché non possono essere forate, ma sono resistenti e robuste per l’uso su diversi terreni. Inoltre, sono semplici, versatili e leggeri perché non hanno bisogno di frame interni. Oltre ad utilizzare i nuovi pneumatici sui futuri rover Mars, la NASA ritiene che possano essere utilizzati anche per usi pratici per veicoli fuoristrada, automobili, veicoli militari, aerei, attrezzature pesanti, veicoli da costruzione e persino veicoli agricoli.

Pneumatici spezzati di Curiosity Rover su Marte

L’attuale rover che gira intorno a Marte oggi, noto come Curiosity Rover, ha sei solidi pneumatici in alluminio con raggi in titanio. Tuttavia, nel 2013, poco più di un anno dopo essere atterrato su Marte, le gomme di Curiosity subirono danni notevoli quando stava attraversando un’area con molte rocce taglienti a causa del terreno accidentato di Marte.

Da allora, le ruote hanno continuato a subire ammaccature e buchi e proprio quest’anno, due rigonfiamenti su una delle ruote di Curiosity si sono rotte. Sebbene la NASA abbia affermato che le ruote rotte non influenzano la missione di Curiosity, forse le nuove gomme potrebbero essere utili per missioni future più agevoli.

Via

Ultimi post

Breaking News

Ultimi Articoli: