OnePlus 3T

OnePlus 3T: Root e Recovery già disponibili – Guida

Non è passato molto tempo dall’annuncio ufficiale del lancio di OnePlus 3T e già da XDA arriva la prima recovery TWRP completamente funzionante, con annesso il procedimento per ottenere il root, grazie allo sviluppatore jcadduono. La recovery è già pronta all’uso, essendo esente da qualunque bug e richiede soltanto il bootloader sbloccato.

Va sottolineato comunque che nel firmware di OnePlus 3T è abilitato dm-verity, quindi è consigliabile installare insieme alla recovery anche un pacchetto root come SuperSu oppure un pacchetto per disabilitare dm-verity, altrimenti il sistema non potrà avviarsi.

Ricordo comunque che OnePlus 3T è un dispositivo completamente diverso da OnePlus 3, di conseguenza questa guida non si applica su One Plus3. Passiamo dunque alla guida.

 

OnePlus 3T – Guida al modding

 

Prerequisiti

Innanzitutto eseguite un backup di tutte le app e tutti i dati dello smartphone: la procedura andrà a resettarlo alle impostazioni di fabbrica, eliminando ogni dato presente nella memoria interna.

Assicurato ciò, saranno necessari:

  • Pacchetto Root;
  • Pacchetto Recovery;
  • Debug USB, Consenti Sblocco OEM e Riavvio avanzato attivi (si trovano nelle opzioni sviluppatore, attivabili con 7 tap su Numero Build);
  • ADB e Fastboot correttamente installati e configurati (Guida per Windows | Linux/Mac);
  • Un OnePlus 3T con almeno il 40% di carica residua.

Procedura

 

Sblocco Bootloader
  1. Riavviate lo smartphone, apparirà quindi una finestra che consentirà di riavviare in Recovery, in Bootloader o normalmente: voi dovrete selezionare bootloader;
  2. Collegate lo smartphone al PC, aprite il prompt dei comandi ed eseguite:fastboot oem unlock
  3. A questo punto lo smartphone si riavvierà e si resetterà. Il primo avvio potrebbe impiegare qualche minuto.
Recovery
  1. Riattivate Debug USB, Consenti sblocco OEM e Riavvio avanzato dalle Opzioni Sviluppatore. Riavviate quindi in modalità bootloader, come prima;
  2. Collegate One Plus 3T al computer. Aprite la cartella in cui si trova il pacchetto recovery scaricato in precedenza ed aprite al suo interno il prompt dei comandi (Shift + Tasto Destro del mouse, Apri finestra di comando qui);
  3. Eseguite il comando di sotto, sostituendo ***.img con il nome del pacchetto recovery:fastboot flash recovery ***.img
  4. Riavviate adesso in recovery, tenendo premuto i tasti Power e Volume Giù simultaneamente finché non appare la schermata della TWRP;
  5. Nota: Avviato in recovery, apparirà una schermata: cliccate su “Keep system read only”. Eseguire questa azione è molto importante perchè il telefono, riconoscendo che la partizione del sistema è stata modificata, potrebbe impedire l’avvio, a causa di dm-verity. Se installerete anche il pacchetto del root, allora non c’è alcun rischio: il pacchetto provvederà a disabilitare dm-verity.
Root
  1. Copiate dal computer alla memoria interna di OnePlus 3T il pacchetto root precedentemente scaricato e riavviate lo smartphone in modalità recovery;
  2. Andate su Install e scegliete il pacchetto root;
  3. A fine installazione riavviate (Reboot System). Il riavvio potrebbe richiedere qualche minuto.

 

Conclusioni

La procedura è abbastanza semplice e richiede un po’ di tempo. Se comunque doveste avere qualche problema o qualche dubbio, non esitate a contattarci.

Ha stupito anche voi la velocità con cui gli sviluppatori sono riusciti a sviluppare la prima versione della recovery? La proverete appena avrete OnePlus 3T in mano? Fateci sapere con un commento e per non perdervi altre notizie, seguiteci anche nella nostro canale Telegram.

 

Via

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: