Nokia

Nokia 3310 3G in arrivo!

Etichettato come mera operazione nostalgia, il ritorno sul campo del tosto Nokia 3310 potrebbe riaccendere la passione con la nuova versione dotato di connessione dati.

Il restyling presentato dalla società finlandese è stato visto come un tentativo di recuperare i nostalgici del marchio che, pur di accaparrarsi il cellulare, erano disposti a spendere circa 60€ per avere un “semplice cellulare”. Ora, con questa nuova versione con connettività 3G, quanti resisteranno alla tentazione di non compralo?

Nokia 3310 … 3G

Le indiscrezioni riportano di una nuova certificazione da parte della FCC (Federal Communications Commission) di un nuovo dispositivo targato Nokia. Ad indicare una somiglianza tra il “vecchio” 3310 e questo nuovo cellulare un numero identificativo molto prossimo: il 3310 2G (2017) infatti ha come numero modello TA1030 mentre il misterioso 3310 3G avrebbe TA1036.

Nel report della FCC vi sono tutte le bande 2G e 3G supportate negli Stati Uniti: 

  • GSM850: 824,2 MHz ~ 848,8 MHz
  • GSM1900: 1850,2 MHz ~ 1909,8 MHz
  • WCDMA Band II: 1852,4 MHz ~ 1907,6 MHz
  • WCDMA Banda V: 826,4 MHz ~ 846,6 MHz

Colori e forme

Al momento, nonostante sia spuntata in rete una ipotetica raffigurazione delle forme, nulla è ancora confermato. Se l’immagine rilasciata fosse confermata, il nuovo 3310 dovrebbe essere particolarmente leggero con dimensioni contenute. Ancora ignote, ovviamente, dimensioni su display e informazioni su OS a bordo.

Probabilmente, vista la qualità e l’apprezzamento verso i nuovi colori del 3310 2G, saranno confermati.

Prezzo e disponibilità

Per quanto riguarda una possibile data di annuncio, è probabile che il 3310 3G potrebbe essere annunciato durante l’evento organizzato da HMD Global per la presentazione del top di gamma della casa, il Nokia 8. Se fosse confermato, dunque, l’appuntamento sarebbe il 16 agosto.

Discorso prezzo complicato: se per la versione senza trasmissione dati a pacchetto si è arrivati a 60€, per la versione 3G si potrebbe arrivare a quasi 100€ sfruttando principalmente il discorso “nostalgia”.

VIA

Autore dell'articolo: Simone Quaglia