sanitario

Il miglior sistema sanitario è l’NHS inglese.

Un recente confronto tra i sistemi sanitari di 11 nazioni considerate ricche ha fatto emergere che gli Stati Uniti hanno ceduto posizioni in diverse categorie mentre il servizio sanitario nazionale del Regno Unito conduce conduce la classifica in tutti gli aspetti

“Abbiamo misurato la qualità delle prestazioni in cinque classifiche e gli Stati Uniti sono caduti in tutti e cinque”, afferma Eric Schneider del “think tank” del Commonwealth Fund di Washington DC.

I criteri di valutazione erano rispettivamente: la facilità di accesso all’assistenza sanitaria,  l’accesso uguale a persone di diverso reddito, all’efficienza amministrativa, al grado di efficacia del processo di assistenza per le persone che lo utilizzano e sui buoni risultati di salute.

L’analisi comprende dati provenienti da fonti tra cui l’Organizzazione mondiale della sanità (WHO) , l’OCSE e questionari completati da persone e medici nei 11 paesi esaminati.

Hanno partecipato alla statistica anche l’Australia, il Canada, la Germania e la Svezia.

Nel complesso, gli Stati Uniti si sono classificati l’ultimi anche  nella categoria dei processi di cura.

Gli Stati Uniti sono in ribasso specialmente quando si tratta di accedere all’assistenza sanitaria.

Infatti, lo studio ha rilevato che negli Stati Uniti il ​​44 % delle persone a basso reddito ha difficoltà ad accedere all’assistenza sanitaria, cosa che non cambia per i più benestanti dato che il 26 % di coloro che hanno un reddito elevato segnalano problemi di accesso.

Le cifre equivalenti nel Regno Unito sono solo 7 e 4 %.

“Una persona più redditizia negli Stati Uniti ha maggiori probabilità di soddisfare le barriere di costo rispetto a una persona a basso reddito nel Regno Unito”, afferma Schneider.

Il rapporto afferma che, dal momento che è stato introdotto dal presidente Obama l’ Affordable Care Act (ACA), c’è stato un certo miglioramento, con l’accesso alla copertura sanitaria estesa a oltre 20 milioni di persone in più negli Stati Uniti.

“L’ACA ha contribuito a fare grandi passi avanti nella copertura e nell’accesso alla cura negli Stati Uniti, in particolare per gli americani a basso reddito”, afferma Benjamin Sommers del Harvard T.H. Chan School of Public Health di Boston, Massachusetts.

“Le proposte attualmente in discussione nel Congresso potrebbero annullare gran parte di quei progressi aumentando il numero di persone senza assicurazione sanitaria di oltre 20 milioni nel prossimo decennio”, spiega Sommers. “Piuttosto che ridurre il divario con i suoi rivali, gli Stati Uniti potrebbero cadere ulteriormente indietro”.

Fonte

© Matteo Incani – Riproduzione Riservata

Ultimi post

Breaking News

Ultimi Articoli: