inquinamento

Inquinamento, all’ora di punta è molto più dannoso di quanto pensi

Le prime misurazioni di esposizione a sostanze che provocano inquinamento e causano stress ossidativo durante le ore di punta hanno prodotto risultati potenzialmente allarmanti.

I livelli di alcune forme di particolato dannoso all’interno delle cabine di auto sono stati trovati due volte più elevati rispetto a quanto si credeva in precedenza.

La maggior parte dei sensori di inquinamento del traffico sono posti a terra lungo la strada e prendono campioni continui per un periodo di 24 ore. La composizione di scarico, tuttavia, cambia abbastanza rapidamente.

Il campionamento a lungo termine manca anche di variazioni  causate dalla congestione stradale e dalle condizioni ambientali.

Per esplorare quali autisti sono effettivamente esposti durante l’ora di punta, i ricercatori della Duke University, dell’Università Emory e dell’Istituto di tecnologia di Georgia hanno collegato dispositivi di campionamento appositamente progettati nei sedili dei passeggeri delle automobili. L’esperimento si è svolto durante le ore di punta del mattino nel centro di Atlanta.

I dispositivi hanno rilevato fino a due volte la quantità di particolato rispetto ai sensori stradali.

La squadra ha anche scoperto che l’inquinamento conteneva due volte la quantità di sostanze chimiche che provocano lo stress ossidativo, che si pensa sia coinvolto nello sviluppo di molte malattie tra cui malattie respiratorie e cardiache, cancro e alcuni tipi di malattie neuro-degenerative.

I risultati sono stati pubblicati il ​​27 giugno nella rivista Atmospheric Environment.

“Se queste sostanze chimiche sono così male per persone come molti ricercatori credono, allora i pendolari dovrebbero seriamente ripensare le loro abitudini di guida”, ha dichiarato Michael Bergin, professore di ingegneria civile e ambientale a Duke.

Per l’esperimento, Roby Greenwald, professore di ricerca all’epoca di Emory, ha costruito un dispositivo di campionamento che attira aria a un tasso simile ai polmoni umani per fornire livelli rilevabili di inquinamento.

Il dispositivo è stato quindi fissato ai sedili passeggeri di più di 30 auto diverse. Alcuni piloti hanno preso percorsi autostradali, mentre altri si sono affrettati alle strade trafficate nel centro di Atlanta.

“Ci sono molti motivi per cui un campione d’aria in auto potrebbe trovare livelli più elevati di alcuni tipi di inquinamento atmosferico”, ha dichiarato Heidi Vreeland, uno studente di dottorato nel laboratorio di Bergin e primo autore del giornale.

“La composizione chimica dello scarico cambia molto rapidamente, anche nello spazio di pochi metri. Ad esempio il sole del mattino scalda le strade e provoca un  inquinamento maggiore”.

Le specie reattive di ossigeno rilevate da questo studio possono portare il corpo a produrre sostanze chimiche per affrontare l’ossigeno reattivo. Il particolato causa la stessa risposta.

In combinazione, l’esposizione innesca un’eccessiva reazione che può essere distruttiva per le cellule sane e il DNA.

Si pensa che lo stress ossidativo svolga un ruolo in una vasta gamma di malattie tra cui la sindrome di Asperger, l’ADHD, il cancro, la malattia di Parkinson, la malattia di Alzheimer, l’aterosclerosi, l’insufficienza cardiaca e l’attacco cardiaco…

“C’è ancora molto dibattito su quali tipi di inquinamento sono causa per la maggiore preoccupazione e cosa li rende così pericolosi”, ha detto Bergin. “Ma la linea di fondo è che la guida durante l’ora di punta è più dannosa di quanto abbiamo pensato”.

Nel caso di Atlanta, la scarsa qualità dell’aria sulle autostrade è dovuta al fatto che 6 milioni di persone vivono nella zona della metropolitana e la maggior parte utilizza solo l’auto.

Fonte

© Matteo Incani – Riproduzione riservata

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: