iliad

Iliad, tanti i vantaggi della compagnia francese

Iliad è divenuta una certezza

La compagnia francese a quasi un anno dall’arrivo nel nostro paese, continua ad essere uno degli operatori più popolari sul territorio. I numeri in possesso degli analisti dicono che oramai il gestore francese è una realtà della telefonia. Una questione che qualche tempo fa, sarebbe stata probabilmente impensabile. Il dato non è campato in aria, ma è un qualcosa di veramente oggettivo. I numeri parlano chiaro, a breve Iliad raggiungerà la considerevole cifra di tre milioni di utenti attivi.

La forza della Iliad

Il motore propulsore che ha fatto la fortuna di Iliad, è senza dubbio la promozione che da l’opportunità di utilizzare 50 Giga di traffico dati. L’opzione prevede infatti minuti ed SMS illimitati più 50 Giga internet, al vantaggioso prezzo di 7,99 euro al mese. Questa infatti continua a macinare clienti su clienti, facendo salire la compagnia telefonica, alle lrime posizioni nell’indice di gradimento.

Iliad, oltre a Giga 50 gli utenti ricevono tre servizi extra a costo zero

iliad

I vantaggi di Iliad rispetto ai suoi rivali più agguerriti, sono visibili anche nei piccoli dettagli. Non molti sanno che, a differenza delle altre compagnie rivali, Iliad mette sul piatto tre servizi gratuiti molto popolari. L’esempio più importante è quello relativo alle telefonate a costo zero verso l’estero. I clienti con una regolare SIM attiva possono contattare amici e parenti in tanti altri stati esteri, addirittura sessanta. Tra le nazioni della lista troviamo tutti i paesi membri dell’UE ed anche nazioni come Canada, USA ed Australia. Con Iliad, a differenza ad esempio di TIM e Vodafone, anche il servizio relativo agli avvisi di chiamata è totalmente gratuito. L’altro vantaggio molto interessante, è che il gestore, a differenza degli altri operatori telefonici, non prevede costi extra per i piani tariffari. Il gestore francese applica le tariffe standard a tutti i profili senza aggiungere nessun tipo di servizio a pagamento.

Autore dell'articolo: redazione

Avatar