boom del gioco durante la pandemia

Il boom del gioco durante la pandemia è cominciato molto prima

Il Covid-19 ha cambiato le vite di tutti nel mondo portando un boom del gioco. In alcuni casi ha stravolto le logiche di un mercato iper dinamico ed in perenne cambiamento. Per cui il virus stesso, con la conseguente pandemia e i vari lockdown, è stato un incentivo a processi già in atto da tempo che sono così esplosi. Al centro del dibattito ovviamente rientrano vari settori: dal marketing alla finanza all’intrattenimento.

Nell’ultimo anno, secondo un recente studio sulle ricerche online in Italia, è aumentato l’interesse di persone per videogiochi in primis, per investimenti finanziari poi. Un interesse cresciuto che conferma quanto il mondo dell’intrattenimento e della finanza siano baciati da una buona stella: per esempio, l’aumento del 525% nelle ricerche basate sulla parola chiave “GameStop”. L’altra keyword, “Come investire”, ha invece incrementato il suo bacino del 760%.

Trend simili sono stati registrati anche dalle piattaforme di casinò online del circuito AAMS, autentici mattatori della pandemia nell’ambito del gaming. Basti pensare che l’operatore di gioco del gruppo Novomatic Admiral Yes è letteralmente schizzato nei trend delle ricerche online raggiungendo picchi di ricerca tra Lazio (100%), Lombardia, Emilia-Romagna e Campania.

Nell’ambito del gaming spiccano anche altri titoli: Minecraft, per esempio, è ricercato per una media di 355mila volte al mese, risultando il gioco più amato dagli italiani. Bene anche due grandi classici dell’intrattenimento come Tetris e Pac Man. I due giochi russo e giapponese continuano ad essere amatissimi tra gli utenti in tutto il mondo, raggiungendo picchi da far invidia. Gli anni sembrano non aver scalfito il mito di questi due titoli.

Con il lockdown è cresciuto in maniera esponenziale il tempo libero: molti, costretti a stare in casa, hanno acuito la loro già forte passione per i giochi. Dall’analisi delle tendenze è emerso che gli italiani stanno cominciando a vedere il settore dei videogiochi con occhi diversi. Non svago nudo e crudo, ma settore economico in crescita e dinamico. Il gaming offre anche prospettive di guadagno e riscatto sociale, insomma, tanto che il “fenomeno GameStop” sta spingendo molti italiani ad investire.

La crescita del settore dunque non sorprende, come nemmeno le ricerche di “app di gaming”, aumentate del 100% in poche settimane. In 14 Paesi del mondo, inoltre, tramite un sondaggio effettuato, è emerso che tra il 35% e il 44% dei partecipanti durante il lockdown ha scaricato un’app di gioco. Tutti hanno voglia di giocare, insomma…

Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. La maggior parte delle conoscenze che ho in ambito tecnologico le ho apprese da autodidatta, riparo Pc e nel tempo libero mi dedico a scrivere articoli su Technoblitz.it di cui sono co-fondatore oltre a scrivere anche su Blastingnews.