Fake News

Google dichiara guerra alle cosiddette Fake News,

Uno dei problemi dell’informarsi in rete è dovuto al fatto che, sui vari social, si trovino spesso Fake News, ovvero notizie false. Questo è dovuto al fatto che molto spesso ci sono siti che, per andare incontro a facili guadagni pubblicitari, non si fanno scrupoli nel pubblicare notizie false o, in alcuni casi, offensivi.

L’obiettivo ovviamente è invitare il lettore a cliccare sulla notizia per accumulare visualizzazioni. Per risolvere, almeno in parte, questo problema ci viene incontro Google, con un nuovo speciale algoritmo.

Google e la lotta alle Fake News

Il nuovo algoritmo del motore di ricerca, che poi nuovo non è in quando si tratta di una modifica di quello già esistente, assegnerà un peso maggiore alle notizie provenienti o pubblicate da Fonti Autorevoli, penalizzando quindi quelle che risulteranno inappropriate.

Fake News

Non solo ma si terranno conto anche delle segnalazioni “umane”, verranno valutati cioè anche i commenti dei lettori che segnaleranno la notizia come falsa, offensiva o non corrispondente alla realtà.

Cambia anche il posizionamento

Da oggi inoltre cambia anche il sistema di posizionamento delle notizie. Ovviamente le notizie che avranno autorevolezza maggiore avranno anche un peso maggiore, e quindi verranno visualizzate più in alto quando faremo una ricerca su quello specifico argomento.

Questo fa si che le notizie false, o con contenuti di scarsa qualità, vengano fatte retrocedere in fondo, perdendo così di fatto visualizzazioni.

Giudizio degli utenti

Da oggi quindi Google si fiderà ancora di più degli utenti finali del World Wide Web. Gli utenti infatti potranno segnalare i testi che reputano violenti, offensivi, inutili o falsi, in modo che l’algoritmo del motore di ricerca possa fare il proprio lavoro.

Anche il completamento automatico delle ricerche, dopo le polemiche scoppiate negli scorsi mesi per aver suggerito contenuti ritenuti sessisti o razzisti, avrà dei netti miglioramenti dovuti a questa nuova funzione.


E voi cosa ne pensate? Avete mai avuto a che fare con contenuti o suggerimenti che vi abbiano fatto, quanto meno, storcere il naso?

Autore dell'articolo: Luigi Marra

Avatar
Il mio nome è Luigi, nella vita sono un Ragioniere. Nel tempo libero coltivo la mia passione per la tecnologia e i motori che risale a quando ero bambino.