Secondo il TENAA, il Gionee F5 sarebbe pronto al lancio!

Gionee, marchio nato nel 2002,  è un produttore cinese di telefoni cellulari con sede a Shenzhen. Il mercato principale del marchio prevede ad oggi ufficialmente la Cina, Taiwan, India, Bangladesh, Nigeria, Vietnam, Birmania, Nepal, Thailandia, le Filippine e Algeria.

Da alcuni mesi ad oggi, la casa cinese stava lavorando alla realizzazione di uno smartphone dalle caratteristiche tecniche interessanti ad un prezzo accessibile.

Grazie alla certificazione del TENAA, sappiamo che lo smartphone è ultimato e pronto al lancio

[maa id=’1′]

Caratteristiche tecniche Gionee F5

 

Ad oggi, come anticipato poco sopra, sappiamo praticamente tutto di questo smartphone:

  • display da 5.3 pollici con risoluzione solo HD (1280*720 pixels)

  • processore octa-core MediaTek MT6750 con frequenza 1.5 GHz

  • 4gb RAM

  • 64gb di storage interno ancora espandibili fino a 128gb tramite microSD

  • fotocamera posteriore da 13 megapixels al posteriore dotata di flash led

  • fotocamera anteriore da 8 megapixels

  • modulo per LTE, Wi-Fi 802.11 ac, Bluetooth 4.0, GPS

  • dual-sim (switchabili le reti da predefinita 1 o 2)
  • batteria da 4000 mAh

 

Infine il corpo completamente in alluminio, avrà nel lato posteriore due bande di plastica destinate alle antenne. Le dimensioni saranno 150*74.5*7.7(mm) con un peso di 162g.

La versione preinstallata di Android sarà ancora Marshmallow ma probabilmente verrà aggiornata a Nougat

 

Prezzo

Gionee è un marchio noto agli amanti dei dispositivi provenienti dalla Cina per il rapporto qualità/prezzo dei suoi smartphone. Quest’ultimo, invece, pur vantando alcune specifiche interessanti, sembra seguire una logica di mercato che oggettivamente non appartiene a Gionee. Il prezzo di lancio, secondo fonti autorevoli, sarà di 1799 yuan, al cambio poco più di 260$.

A questo prezzo difficilmente lo smartphone sarà appetibile considerando che, nelle settimane passate, su quelle cifre sono usciti terminali ben più interessanti.

 

 

Autore dell'articolo: Simone Quaglia

Avatar