rinnovabili

La Germania batte il record di produzione di rinnovabili

I tedeschi hanno posto traguardi molto alti per le rinnovabili e l’obiettivo di alimentare il paese unicamente con fonti rinnovabili entro il 2050 appare più vicino.

Infatti sono già ben in viaggio e in poco più di una settimana hanno festeggiato una tappa importante e secondo un aggiornamento di Patrick Graichen, direttore dell’iniziativa Agora Energiewende, il 64% della potenza consumata in Germania durante l’ ultimo fine settimana di aprile proveniva da fonti rinnovabili.

Il tempo soleggiato e fresco dava energia solare e le centrali eoliche hanno avuto un gran lavoro da accumulare. Anche le biomasse e le piante idroelettriche hanno aiutato.

Proprio l’anno scorso, le condizioni atmosferiche hanno creato in una finestra molto breve di un pomeriggio un picco dove l’energia rinnovabile ha incontrato l’87% della domanda. Di conseguenza, vi è stato un surplus di elettricità, che ha portato alla fatturazione negativa.

I tedeschi sono stati effettivamente pagati per utilizzare l’elettricità. La stessa cosa è avvenuta anche quest’anno e la produzione di energia rinnovabile che ha toccato punte dell’85%, ha durato diverse ore.

In un post sul fine settimana di record di quest’anno, Graichen ha affermato che la maggior parte degli impianti di carbone tedeschi non funzionavano durante la giornata di domenica 30 e le stazioni nucleari non dovevano contribuire alla produzione per soddisfare la domanda.

Questa è una parte di una tendenza molto più grande intrapresa dalla Germania che prevede di eliminare completamente l’energia nucleare entro cinque anni e non pare che questa scelta possa rappresentare un problema in considerazione delle capacità energetiche rinnovabili del paese e del desiderio di generare il 100% del suo potere da fonti rinnovabili entro il 2050.

I combustibili fossili e nucleari vengono spinti in disparte dell’Unione Europea: tre anni fa in Spagna, ad esempio, l’energia eolica è diventata la principale fonte energetica del paese. A seguire il Portogallo dove la popolazione è riuscita a soddisfare il fabbisogno per tre giorni interi l’anno scorso senza dover utilizzar i propri impianti di carbone o di gas naturale.

E l’Italia riuscirà a tenere il passo? Fateci sapere cosa ne pensate nei commenti!

 

Fonte

Ultimi post

Breaking News

Ultimi Articoli: