Elon Musk all’Aeronautica

Elon Musk all’Aeronautica: L’era dei “caccia” è finita

Elon Musk all’Aeronautica militare: da oggi – in caso di guerra – saranno i droni autonomi – e non gli aerei Legacy – a condurre i giochi.

La dichiarazione dell’imprenditore, che non lascia spazio alle interpretazioni, si è tenuta al cospetto del tenente generale dell’aeronautica militare statunitense John Thompson al simposio Air Warfare di Orlando. In data 28 febbraio 2020.

 “L’era degli aerei da caccia è passata”, avrebbe affermato il CEO di Tesla e SpaceX.

Elon Musk all’Aeronautica: il futuro è nei droni

L’Amministratore statunitense di Tesla, da sempre fa parlare di sé. Ma in questa circostanza, verificatasi 4 giorni fa, è riuscito ad impressionare anche l’aeronautica militare degli USA.

La guerra dei droni è dove sarà il futuro. Non è che io voglia che sia il futuroè solo, questo è quello che sarà il futuro”, avrebbe dichiarato al Tenente Generale  J. Thompson.

Musk non si rivolge solo a quest’ultimo, ma ad una sala piena di piloti della US Air Force. Inoltre, nell’esporre le sue considerazioni, ha rilevato come i droni, che possono essere comandati a distanza –sottolineando anche la tutela di moltissimi ufficiali – sono meno costosi rispetto ai “caccia” militari.

Facendo, in aggiunta, riferimento ai jet da combattimento F-35 di Lockheed Martin, che al momento rappresentano il sistema di armi più costoso del Pentagono e che dovrebbero avere quantomeno un concorrente.

“Il concorrente dovrebbe essere un aereo da combattimento drone controllato a distanza da un essere umano, ma con le sue manovre potenziate dall’autonomia. L’F-35 non avrebbe alcuna possibilità contro di esso”, ha dichiarato il CEO di Tesla in un Tweet.

La conferenza

Durante lo scambio di vedute con il rappresentante dell’Aeronautica, Elon Musk fa anche un “appunto” agli Stati Uniti, avvertendoli che rischiano di rimanere indietro rispetto ad altre nazioni se non danno priorità all’innovazione.

Questo non è qualcosa che era un rischio in passato ma è un rischio ora”, ha detto Musk. “Non ho dubbi sul fatto che se gli Stati Uniti non cercano innovazione nello spazio, saranno i secondi nello spazio”.

Volutamente, parla della Cina, in qualità di Nazione tecnologicamente avanzata, rilevando come l’economia di quest’ultima, alla fine supererà quella degli Stati Uniti di almeno il doppio.

Il fondamento della guerra è l’economia”, ha detto Musk. “Se hai metà delle risorse della controparte, allora è meglio essere davvero innovativi, se non sei innovativo, perderai”.

Autore dell'articolo: redazione