Coronavirus: quando finirà l'epidemia? Quando torneremo alla normalità?

Coronavirus: quando finirà l’epidemia? Quando torneremo alla normalità?

Il mondo si sta fermando a causa del Coronavirus. Luoghi che un tempo brulicavano di trambusto della vita quotidiana sono diventati città fantasma con enormi restrizioni alle nostre vite – dai blocchi e dalle chiusure delle scuole alle restrizioni di viaggio e divieti di assembramenti. È una risposta globale senza pari a una malattia. Ma quando finirà e quando potremo andare avanti con la nostra vita? Il primo ministro Boris Johnson ha dichiarato di ritenere che il Regno Unito possa “invertire la tendenza” contro l’epidemia entro le prossime 12 settimane. Ma anche se il numero di casi inizia a diminuire nei prossimi tre mesi, saremo ancora lontani dalla fine. È chiaro che l’attuale strategia di chiusura di gran parte della società non è sostenibile a lungo termine. Il danno sociale ed economico sarebbe catastrofico. Ciò di cui i paesi hanno bisogno è una “strategia di uscita”, un modo per eliminare le restrizioni e tornare alla normalità. Ma il coronavirus non scomparirà.

Se elimini le restrizioni attualmente vigenti, i casi saliranno inevitabilmente. “Abbiamo un grosso problema su quale sia la strategia di uscita e su come uscirne“, afferma Mark Woolhouse, professore di epidemiologia delle malattie infettive all’Università di Edimburgo. “Non è solo il Regno Unito, nessun paese ha una strategia di uscita“. È una grande sfida scientifica e sociale.

Ci sono essenzialmente tre modi per uscire da questo caos:

  • vaccinazione;
  • abbastanza persone sviluppano immunità attraverso l’infezione;
  • modificare permanentemente il nostro comportamento/società.

Ognuna di queste rotte ridurrebbe la capacità del virus di diffondersi.

Coronavirus: per i vaccini servono dai 12 ai 18 mesi

Un vaccino dovrebbe dare a qualcuno l’immunità in modo che non si ammalino se vengono esposti al COVID-19. Immunizza un numero sufficiente di persone, circa il 60% della popolazione, e il virus non può causare focolai: il concetto noto come immunità da gregge. La prima persona è stata sottoposta a un vaccino sperimentale negli Stati Uniti questa settimana dopo che ai ricercatori è stato permesso velocizzare le solite regole per eseguire test sugli animali.

La ricerca sui vaccini si sta svolgendo a una velocità senza precedenti, ma non vi è alcuna garanzia che avrà successo e richiederà l’immunizzazione su scala globale. La migliore ipotesi è che un vaccino potrebbe arrivare tra 12 e 18 mesi se tutto va liscio. Questo è molto tempo da aspettare quando si affrontano restrizioni sociali senza precedenti durante la quarantena. “Aspettare un vaccino non dovrebbe essere onorato con il nome di strategia, che non è una strategia“, ha detto il professor Woolhouse alla BBC.

Immunità naturale: servono minimo 2 anni

La strategia a breve termine è quella di abbattere il più possibile i casi per evitare che gli ospedali vengano travolti: quando si esauriscono i letti di terapia intensiva, quindi i picchi di mortalità. Una volta che i casi vengono soppressi, è possibile che alcune misure vengano revocate per un po’, fino a quando i casi non aumentano e sono necessarie altre serie di restrizioni. Quando questo potrebbe essere incerto. Il principale consigliere scientifico del Regno Unito, Sir Patrick Vallance, ha affermato che “non è possibile stabilire scadenze assolute sulle cose“. Ciò potrebbe, involontariamente, portare all’immunità del gregge poiché sempre più persone sono infette.

Ma questo potrebbe richiedere anni per essere costituito, secondo il Prof Neil Ferguson dell’Imperial College di Londra: “Stiamo parlando di sopprimere la trasmissione a un livello in cui, si spera, solo una minima parte del paese sarà infettata. Quindi alla fine, se avessimo continuato per oltre due anni, forse una parte sufficiente del paese a quel punto avrebbe potuto essere infettata per fornire un certo grado di protezione della comunità“. Ma c’è un punto interrogativo sul fatto che questa immunità durerà. Il virus potrebbe essere beccato anche due volte: e le difese immunitarie saranno sempre più basse.

Coronavirus: le altre alternative

La terza opzione sono i cambiamenti permanenti nel nostro comportamento che ci consentono di mantenere basse le velocità di trasmissione“, ha affermato il professor Woolhouse. Ciò potrebbe includere il mantenimento di alcune delle misure messe in atto. O introducendo test rigorosi e isolamento dei pazienti per cercare di stare al passo con qualsiasi focolaio. “La prima volta abbiamo effettuato il rilevamento precoce e la traccia dei contatti e non ha funzionato, aggiunge il prof. Woolhouse.

Lo sviluppo di farmaci in grado di trattare con successo un’infezione da Coronavirus potrebbe aiutare anche le altre strategie. Potrebbero essere usati non appena le persone mostrano sintomi in un processo chiamato “controllo della trasmissione” per impedire loro di trasmetterlo ad altri o per curare i pazienti in ospedale per rendere la malattia meno mortale e ridurre le pressioni in terapia intensiva. Ciò consentirebbe ai paesi di far fronte a più casi prima di dover reintrodurre le restrizioni. L’aumento del numero di letti di terapia intensiva avrebbe un effetto simile aumentando la capacità di far fronte a focolai più grandi.

Ho chiesto al principale consulente medico del Regno Unito, il prof. Chris Whitty, quale fosse la sua strategia di uscita. Ha spiegato: “A lungo termine, chiaramente un vaccino è un modo per uscirne e speriamo tutti che accada il più rapidamente possibile“. E che “a livello globale, la scienza troverà soluzioni“.

 

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Studente di ingegneria meccanica, appassionato di tutto ciò che riguarda i motori, la tecnologia e la musica