Coronavirus, la storia di un medico: “Non abbiamo le mascherine, gli occhiali o lo staff?”

In Inghilterra la situazione non è delle migliori, e la preoccupazione tra i medici è tanta per ciò che riguarda il Coronavirus. Di seguito è riportata la “storia” di un medico che vive questi giorni angoscianti del mese di marzo.

Il personale del NHS (National Health Service – Inghilterra) pone le stesse domande che si pongono tutti sul Coronavirus. “Quanto è mortale? Come ci proteggiamo? Le tattiche del governo sono giuste? E come faranno i servizi sanitari quando lascerà un gran numero di persone gravemente malate, molte in lotta per la propria vita? Queste domande sono ancora più pressanti per noi perché entro due settimane saremo parte della prima linea contro una minaccia che non abbiamo mai visto prima”. Sono preoccupato che i letti del nostro ospedale siano già pieni del 98%. Siamo pieni di “pazienti sociali”: le persone sono in grado di essere dimesse dal punto di vista medico ma non possono essere dimesse perché non c’è un posto in una casa di cura per loro, o il pacchetto di cure per consentire loro di tornare a casa non è stato ordinato . Quindi dove andranno tutte le persone che necessitano di cure e che rischiano la vita per il Covid-19? Mancano appena due settimane alla stessa situazione verificata in Italia, con un numero enorme di persone che devono essere ricoverate in ospedale. Eppure non abbiamo abbastanza dispositivi di protezione come maschere e occhiali. E il NHS è a corto di personale. Dobbiamo contrattare con la direzione circa un minuscolo aumento di stipendio per i medici disposti a lavorare su turni extra e che si espongono al pericolo”.

Coronavirus: le preoccupazioni di un medico descritte in prima persona

Non abbiamo abbastanza stanze di isolamento o ventilatori polmonari, il che sarà vitale. Le unità di terapia intensiva saranno la risorsa più preziosa per il NHS, ma le nostre sono quasi interamente complete per la maggior parte del tempo. Ci viene detto di piani per aumentare la capacità di terapia intensiva. Eppure hai bisogno di un’infermiera appositamente addestrata per ogni letto di terapia intensiva. Da dove verrà lo staff extra? Troppi letti, personale e attrezzature; sono preoccupato che il NHS sia completamente mal equipaggiato per gestire il Coronavirus. Quando Boris Johnson parla del nostro meraviglioso NHS e di quanto sia ben preparato, è una cazzata. O non ha la minima idea o sta cercando di rassicurare falsamente le persone.

Il NHS è stato colpito duramente prima, da fondi insufficienti, attacchi terroristici e inverni rigidi. Ma di solito le crisi si allungano per un periodo di tempo. Con il coronavirus arriverà tutto in una volta. Gli effetti del virus possono variare da una lieve malattia simil-influenzale a una grave polmonite in entrambi i polmoni, il che significa che non forniscono più abbastanza ossigeno per il corpo, quindi gli organi vengono privati ​​dell’ossigeno e iniziano a non funzionare più: i reni, il cervello, il cuore. Molte persone muoiono per la sindrome da stress respiratorio acuto. Morire perché stai lottando per respirare è un modo orribile di andare nell’aldilà; è molto angosciante per i pazienti, la loro famiglia e il personale che li tratta. I parenti non potranno dire addio ai propri cari. In Italia, medici e infermieri stanno chiamando le persone in modo che possano dargli l’addio definitivo. E quando il personale è sopraffatto dal punto di vista emotivo, non sarà in grado di abbracciarsi o di mettere un braccio rassicurante intorno alla spalla a causa del rischio di contagio.

Dobbiamo liberare i medici e il personale del NHS per prepararci a ciò che sta per accadere. Dovremmo cancellare le cliniche ambulatoriali, sospendere gli obiettivi del tempo di attesa, come l’attesa di pronto soccorso di quattro ore e l’obiettivo di 18 settimane per il trattamento ambulatoriale, fino a quando tutto questo non sarà finito – ed essere aperti al pubblico sul perché ciò sta accadendo. Presto l’NHS si troverà di fronte a un numero enorme di persone con Covid-19. Pertanto, dobbiamo garantire con urgenza che tutti i medici, non solo i medici A&E, di terapia intensiva e respiratoria, siano addestrati almeno a eseguire la valutazione iniziale e il trattamento di qualcuno sospettato di avere il virus. Altrimenti saremo bruciati dal superlavoro e dallo stress; gli specialisti non possono fare tutto da soli. Per non parlare del fatto che molti di noi contrarranno l’infezione da soli e si ammaleranno o addirittura moriranno, riducendo ulteriormente la forza lavoro.

Abbiamo bisogno di medici e dirigenti per andare negli ospedali e identificare dove possono essere creati letti supplementari in terapia intensiva. Quali sale operatorie, sale per anestesia e aree di ricerca possono essere utilizzate? E cosa significa fare questo per i pazienti con cancro, gravi lesioni o malattie cardiache? Che ne pensi di loro? L’NHS deve anche far uscire le persone dall’ospedale che non hanno bisogno di essere lì e comprare un sacco di ventilatori polmonari extra, anche se anche l’Italia e altri paesi li vogliono.

Potremmo essere fortunati. Ma temo e mi aspetto che finiremo nella stessa situazione dell’Iran e dell’Italia, dove i servizi sanitari hanno faticato a far fronte. Gli ospedali sono stati sopraffatti, ingestibili e non sicuri. Se ciò accade qui, i medici dovranno decidere chi merita di essere salvato: un 80enne o qualcuno tra i 30 o i 40 anni? Quelle saranno decisioni impossibili. Il NHS dovrà razionare l’assistenza sanitaria che potrebbe significare la differenza tra vita e morte.

Il virus ha causato il caos nel nord Italia, la parte più ricca del paese. Il servizio sanitario lì – uno dei migliori al mondo – non è stato in grado di curare tutti coloro che hanno bisogno di cure. Alcuni, in particolare gli anziani, sono stati lasciati morire. Medici e infermieri sono finiti in lacrime perché non riescono a fare il lavoro per cui sono stati addestrati, a causa della vastità della crisi. Si sentono impotenti”.

In queste parole, si può leggere tutta la disperazione di un medico che si appresta ad aiutare a combattere il Coronavirus in un paese che non ha avuto ancora crisi particolari, ma che vedendo quanto accade ad esempio nel nostro Paese, sa già l’entità della cosa.

Ultimi post

Breaking News

Ultimi Articoli: