Coronavirus: i lockdown non possono finire se non si trova il vaccino

Coronavirus: se non si trova il vaccino, i lockdown non potranno terminare

I paesi che vogliono porre fine ai lockdown e consentire alle persone di spostarsi e lavorare di nuovo dovranno monitorare attentamente le nuove infezioni e regolare i controlli che hanno in atto fino a quando non vi sarà un vaccino contro il Coronavirus, secondo un nuovo studio basato sull’esperienza cinese.

I controlli aggressivi della Cina sulla vita quotidiana hanno portato alla fine della prima ondata di Covid-19, affermano i ricercatori con sede a Hong Kong. Ma il pericolo di una seconda ondata è molto reale. “Mentre queste misure di controllo sembrano aver ridotto il numero di infezioni a livelli molto bassi, senza l’immunità da gregge contro Covid-19, i casi potrebbero facilmente ripresentarsi man mano che le imprese, le operazioni in fabbrica e le scuole riprendono gradualmente e aumentano il mescolamento sociale, in particolare dato il rischio crescente di casi importati dall’estero mentre Covid-19 continua a diffondersi a livello globale“, afferma il professor Joseph T Wu dell’Università di Hong Kong, un co-autore della la ricerca.

Coronavirus: non risolveremo finché non avremo il vaccino

I ricercatori avvertono che se la vita normale riprenderà troppo rapidamente e la riduzione dei controlli è troppo estesa, il numero riproduttivo aumenterà di nuovo. I governi dovranno tenere d’occhio ciò che sta accadendo.

Sebbene le politiche di controllo come la distanza sociale e il cambiamento comportamentale possano essere mantenute per un po’ di tempo, trovare in modo proattivo un equilibrio tra la ripresa delle attività economiche e il mantenimento del numero diffusivo al di sotto di uno è probabilmente la strategia migliore fino a quando i vaccini efficaci non saranno ampiamente disponibili” disse Wu.

L’articolo pubblicato sulla rivista medica Lancet si basa sulla modellistica dell’epidemia in Cina. Mostra che il tasso di mortalità nella Cina continentale era molto più basso, a meno dell’1%, rispetto alla provincia di Hubei dove iniziò l’epidemia, che aveva un tasso di mortalità di quasi il 6%. Variava anche in base alla prosperità economica di ciascuna provincia, che era correlata all’assistenza sanitaria disponibile. “Anche nelle megalopoli più prospere e dotate di risorse come Pechino e Shanghai, le risorse sanitarie sono limitate e i servizi faranno fatica con un improvviso aumento della domanda“, afferma l’autore senior Prof Gabriel M Leung dell’Università di Hong Kong. “I nostri risultati evidenziano l’importanza di garantire che i sistemi sanitari locali dispongano di personale e risorse adeguati per ridurre al minimo i decessi correlati al covid-19“.

La loro analisi utilizza i dati della Commissione sanitaria locale dei casi confermati di Coronavirus tra la metà di gennaio e il 29 febbraio in quattro città: Pechino, Shanghai, Shenzhen, Wenzhou e le dieci province fuori Hubei con il maggior numero di casi. Li porta a sollecitare che i controlli dovrebbero essere rilassati solo gradualmente.
Consentire al tasso di infezione di aumentare nuovamente “probabilmente comporterebbe sia una salute marginalmente più elevata che una perdita economica“, anche se vengano messe in atto misure severe per ridurre il numero di casi.

Trovare un equilibrio tra consentire attività economiche e mantenere i controlli sufficientemente stretti da prevenire un aumento delle infezioni “è probabilmente la strategia ottimale fino a quando i vaccini efficaci non saranno ampiamente disponibili, nonostante il fatto che le politiche di controllo, tra cui il distanziamento sociale, i cambiamenti comportamentali e la consapevolezza pubblica probabilmente saranno mantenuti per qualche tempo ”.

Ultimi post

Breaking News

Ultimi Articoli: