Coronavirus: "licenziato" il comandante della portaerei che voleva salvare gli uomini a bordo

Coronavirus: “licenziato” il comandante della portaerei che voleva salvare gli uomini a bordo

La marina americana ha licenziato il comandante della portaerei della USS Theodore Roosevelt, che aveva lanciato l’allarme per uno scoppio di coronavirus sulla sua nave. Thomas Modly, il segretario ad interim della marina, ha affermato che il capitano Brett Crozier è stato sollevato dal suo comando della compagnia nucleare perché avrebbe diffuso un finto allarmismo riguardo al Coronavirus. Infatti, aveva fatto urgentemente appello per i membri del suo equipaggio che erano malati per sbarcare su Guam per ricevere cure mediche.

Giovedì, 114 degli oltre 4.000 membri dell’equipaggio erano risultati positivi al Covid-19. Modly non ha accusato Crozier di aver fatto trapelare il promemoria, ma lo ha accusato di aver sollevato inutili allarmi tra le famiglie dei marinai e di aver esagerato nel dichiarare che la loro vita era a rischio.  “Non siamo in guerra. I marinai non hanno bisogno di morire ”, scrisse Crozier nella sua nota di quattro pagine del 30 marzo agli ufficiali superiori, come riportato dal San Francisco Chronicle. “Se non agiamo ora, non riusciamo a prenderci cura adeguatamente del nostro bene più affidabile: i nostri marinai“.

Allarme Coronavirus: licenziato un comandante

Il candidato alla presidenza democratica Joe Biden ha dichiarato che la decisione dell’amministrazione Trump di rimuovere il comandante ha mostrato “un giudizio insufficiente. Nella sua lettera, Crozier affermava che era impossibile raggiungere le distanze sociali (1 metro tra le persone) e le condizioni di quarantena a bordo del Roosevelt, e quindi la maggior parte dei marinai a bordo doveva essere sbarcata per la quarantena e il trattamento. Informando la stampa sulla sua decisione giovedì, Modly ha accusato Crozier di “non stare attento” a chi avrebbe ricevuto il suo biglietto.

Modly ha detto che la marina aveva già iniziato a mobilitare risorse per aiutare l’equipaggio in risposta alle precedenti richieste di assistenza di Crozier. “Era pienamente consapevole della risposta della marina, chiedendo solo che desiderava che l’equipaggio potesse essere evacuato più velocemente“, ha detto il segretario. Ha sottolineato che finora, nessuno dell’equipaggio infetto era così malato da dover essere ricoverato in ospedale, e lo ha contrastato con l’avvertimento di Crozier che i marinai potrebbero morire.

Nessuno sa che è vero. Non bastano i dati che abbiamo in questo momento sulla nave “, ha detto Modly. Ha sostenuto di essere stato costretto ad agire “quando ho un ufficiale in comando che è responsabile di una portaerei a propulsione nucleare, con tutta quella letalità e tutta quella responsabilità, che esercita quel cattivo giudizio in una situazione in una crisi come questa“. Modly e altri funzionari avevano inizialmente affermato che Crozier aveva ragione a esprimere le sue preoccupazioni. Giovedì il segretario ad interim ha negato di essere stato sotto pressione dalla Casa Bianca per licenziare il comandante.

La dirigenza democratica del comitato dei servizi armati della Camera ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che Crozier non si è comportato in modo “appropriato”, ma ha affermato che il licenziamento è stata “una reazione eccessiva”. “È una mossa destabilizzante che probabilmente metterà a rischio i nostri membri del servizio e metterà in pericolo la prontezza della nostra flotta“, si legge nella nota.

Ultimi post

Breaking News

Ultimi Articoli: