Coronavirus: è peggio l'infettività o la viralità del COVID-19?

Coronavirus: è peggio l’infettività o la viralità del COVID-19?

Essere esposti a più particelle di coronavirus significa sviluppare una malattia più grave? Le voci che circolano sui social media suggeriscono che i lavoratori ospedalieri o i loro familiari esposti a una “carica virale” più elevata diventano maggiormente malati rispetto alla popolazione in generale. Ma la ricerca emergente indica che la relazione tra infezione e gravità del Covid-19 può essere più complessa e differire da quella di altre malattie respiratorie. Il numero medio di particelle virali necessarie per stabilire un’infezione è noto come dose infettiva.

Non sappiamo ancora cosa significhi per covid-19, ma data la rapidità con cui la malattia si sta diffondendo, è probabile che sia relativamente bassa – nella regione di poche centinaia o migliaia di particelle, afferma Willem van Schaik all’Università di Birmingham, Regno Unito. La carica virale, d’altra parte, si riferisce al numero di particelle virali trasportate da un individuo infetto e rilasciate nel loro ambiente. “La carica virale è una misura della luminosità del fuoco che brucia in un individuo, mentre la dose infettiva è la scintilla che accende quel fuoco“, afferma Edward Parker alla London School of Hygiene and Tropical Medicine.

Se hai un’alta carica virale, hai maggiori probabilità di infettare altre persone, perché potresti perdere più particelle di virus. Tuttavia, nel caso del Coronavirus, non ne consegue necessariamente che una maggiore carica virale porterà a sintomi più gravi.

COVID-19, Coronavirus: tutto quello che c’è da sapere

Ad esempio, gli operatori sanitari che indagano sull’epidemia di Covid-19 nella regione Lombardia in Italia hanno esaminato più di 5.000 persone infette e non hanno trovato alcuna differenza nella carica virale tra quelli con sintomi e quelli senza. Sono giunti a questa conclusione dopo aver rintracciato le persone che erano state in contatto con qualcuno noto per essere stato infettato dal coronavirus e averlo testato per vedere se erano anche infetti.

Allo stesso modo, quando i medici dell’ottavo ospedale popolare di Guangzhou in Cina hanno preso ripetutamente tamponi alla gola da 94 pazienti affetti da Covid-19, a partire dal giorno in cui si sono ammalati e finendo quando hanno sconfitto il virus, non hanno trovato alcuna differenza evidente nella carica virale tra i casi più lievi e quelli che hanno sviluppato sintomi più gravi. Sebbene sia difficile trarre conclusioni definitive in questa fase, tali studi possono influire sulle ipotesi sul fatto che un elevato numero di particelle virali predisponga a una malattia più grave, afferma van Schaik.

Tuttavia, uno studio su pazienti ricoverati in ospedale positivi a Nanchang, in Cina, ha trovato una forte associazione tra la gravità della malattia e la quantità di virus presente nel naso. “Quelli con patologie più gravi presentavano un livello più elevato di replicazione del virus, sebbene non abbiamo prove per inoltrare la dose di esposizione iniziale all’esito della malattia“, afferma Leo Poon dell’Università di Hong Kong, che è stato coinvolto nello studio. “Quella voce è ancora una domanda aperta per me“. Sono i primi giorni, ma se la dose infettiva non è correlata alla gravità dei sintomi della malattia, ciò significherebbe che il Coronavirus è diverso da influenza, MERS e SARS.

Covid-19 sugli animali

Per l’influenza, una dose infettiva più alta è stata associata a sintomi peggiori. È stato testato esponendo i volontari a dosi crescenti di virus influenzale in un ambiente controllato e monitorandoli attentamente per diverse settimane. Questo non è stato fatto con il Covid-19 ed è improbabile che accada, data la sua gravità.

Anche gli animali infetti da dosi più elevate di coronavirus SARS e MERS hanno avuto esiti peggiori, afferma van Schaik. “Penso che dobbiamo solo concludere che mentre questo virus è legato alla SARS, ci sono anche differenze importanti che sono attualmente poco conosciute“, dice. Anche se la dose infettiva non è correlata alla gravità della malattia, vale comunque la pena cercare di ridurre al minimo la nostra esposizione al virus perché ciò ridurrà in primo luogo le possibilità di ammalarci. “Vogliamo prendere tutte le precauzioni possibili per evitare di infettarci, il che ridurrà anche la nostra capacità di trasmettere il virus ad altri“, afferma Parker. “Vale la pena prendere qualsiasi misura che possiamo adottare per evitare l’infezione“.

 

Ultimi post

Breaking News

Ultimi Articoli: