Coronavirus: la disinformazione sulla pandemia può essere mortale

Coronavirus: la disinformazione sulla pandemia può essere mortale

Coronavirus – Le indiscrezioni diventano virali facilmente dopo ogni crisi, sia che si tratti di una pandemia globale o di un disastro causato dal clima. I social media rendono facile tutto ciò. Chiunque può pubblicare qualsiasi storia, vera o no, e fare affidamento su altri per condividerla, in particolare se ispira ansia, paura o rabbia. Mentre le indiscrezioni possono alimentare lo stress, tuttavia, non sono destinate a ferire altre persone, dicono gli esperti. Sono semplicemente un modo per le persone di provare a dare un senso agli eventi spaventosi, soprattutto quando non hanno accesso a fonti di informazioni affidabili.

Con le indiscrezioni, le persone cercano di capire qualcosa. Sono nervose, sono solo le persone che condividono qualcosa che hanno sentito, pensando che potrebbe aiutare qualcun altro“, afferma Kate Starbird, co-fondatrice del Centro per un pubblico informato dell’Università di Washington. La disinformazione, d’altra parte, è qualcos’altro e può essere particolarmente dannosa durante una crisi.

Le persone diffondono disinformazione per promuovere un’agenda politica o farci sopra un business, dalle mascherine difettose per bloccare il nuovo coronavirus a cure inutili per curarlo. Questa è la differenza chiave tra le indiscrezioni e la disinformazione volontaria.

Coronavirus: i pericoli legati alla disinformazione

Quando c’è ancora incertezza sul fatto che qualcosa sia vero o no, è una voce“, dice Starbird. “Se sai che non è vero, è disinformazione“. Ad esempio, il senatore Tom Cotton (R-AR) ha recentemente insinuato che il virus è stato scoperto in un laboratorio cinese, nonostante tutte le prove dimostrino che è nato in modo naturale. Gli osservatori hanno notato che tale disinformazione potrebbe essere destinata a distogliere l’attenzione dalla risposta pandemica confusa dell’amministrazione Trump, verso un avversario di lunga data nei cinesi.

Le catastrofi meteorologiche sono ugualmente soggette a disinformazione. Durante l’uragano Harvey, ad esempio, alcuni hanno affermato che le autorità stavano controllando lo stato di immigrazione delle persone che andavano nei rifugi, un’affermazione che avrebbe potuto essere intesa a dissuadere gli immigrati privi di documenti dalla ricerca di aiuti.

False segnalazioni di incendi dolosi diffusi sono persistite durante i recenti incendi in Australia, ad esempio, fornendo possibilità a coloro che volevano negare che il cambiamento climatico fosse un fattore chiave di quanto stava accadendo.

I funzionari devono condividere ciò che sanno, anche se non sanno tutto, per mantenere la credibilità durante un disastro, afferma Gary Machlis, professore di sostenibilità ambientale alla Clemson University. Informazioni accurate e oneste, anche quando gli esperti non hanno tutte le risposte, possono smorzare voci e disinformazione, ha affermato.

Dire sempre la verità!

Bisogna dire la verità, anche se la verità è “Non lo so” dice. “La scienza, la politica del governo e gli allarmi sulla salute pubblica devono essere coerenti e veritieri e utilizzare canali affidabili. Se lo fai, il pubblico può comprendere meglio la gravità di una situazione e cosa fare al riguardo.” Inoltre, afferma, i funzionari eletti dovrebbero consentire agli scienziati di parlare. Il presidente Trump, ad esempio, inizialmente ha minimizzato l’entità della pandemia di coronavirus, anche se stava colpendo gli Stati Uniti, poi ha propagandato i benefici non dimostrati di un farmaco non testato. Il presidente è stato una tale fonte di disinformazione che i principali organi di informazione stanno ora tagliando le sue conferenze stampa.

In una crisi come la pandemia COVID-19, l’arroganza è pericolosa“, afferma Machlis. “L’astuzia è pericolosa. L’interesse personale prima dell’interesse pubblico è pericoloso. Tutti e tre sono pericolosi, ma combinati in un leader, possono essere catastrofici“. A livello locale, gli esperti affermano che il personale addetto alla gestione delle emergenze dovrebbe aumentare il proprio uso dei social media al fine di ridurre la disinformazione.

Hanno bisogno di fare di più che pubblicare un tweet al giorno“, afferma Jeannette Sutton, professore associato di comunicazione presso il Centro di comunicazione sui rischi e i disastri dell’Università del Kentucky. “Devono ricordare che sono in competizione con altre fonti di notizie e che tendiamo a scegliere chi vogliamo ascoltare, a seconda della nostra prospettiva“. In futuro, le catastrofi causate dal clima diventeranno più frequenti e le malattie continueranno a diffondersi, rendendo fondamentale diffondere informazioni accurate al pubblico.

È probabile che queste catastrofi siano più costose e più gravi“, afferma Machlis. “Le persone colpite hanno bisogno – e meritano – la scienza migliore, ed è responsabilità della comunità scientifica fornirla“.

Ultimi post

Breaking News

Ultimi Articoli:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: