Coronavirus causato dalle reti 5G? In Inghilterra incendiano le antenne

Coronavirus causato dalle reti 5G? In Inghilterra incendiano le antenne

Le teorie della cospirazione che legano le reti 5G alla pandemia di coronavirus stanno preoccupando le autorità di telecomunicazione nel Regno Unito e sono state citate come possibili motivazioni per incendi a più antenne cellulari questa settimana. Incendi su tre antenne sono stati segnalati negli ultimi giorni. In almeno due casi, i video di accompagnamento e i post online stanno sollevando preoccupazioni sul fatto che gli attacchi possano essere collegati a teorie della cospirazione che accusano le reti 5G di essere la causa del COVID-19.

I primi due incendi, a Belfast, in Irlanda del Nord e a Birmingham, si sono verificati giovedì. Un terzo si è verificato su una torre nella zona di Liverpool venerdì. La BBC riferisce che il governo afferma che non vi è alcuna prova di un legame tra gli incendi di Birmingham e Liverpool. Sebbene il Guardian stia riferendo che il sindaco di Liverpool Joe Anderson aveva ricevuto minacce sulla teoria “bizzarra”.

Coronavirus e reti 5G: secondo la scienza non sono collegate

Altri rapporti dicono che il video online di una persona che stava tentando di leggere le radiazioni della torre di Liverpool circolava entro una settimana dall’incendio. E a Belfast, un video pretende di mostrare fiamme che avvolgono la base della torre mentre si sente una voce che maledice le reti 5G e dice “viva la revolution“. The Irish News afferma che la polizia sta indagando sul video. Le teorie della cospirazione su reti 5G precedono il virus. In generale, citano le radiazioni delle reti di telecomunicazioni che causano malattie alle persone nelle vicinanze. Nessuna di queste affermazioni è stata supportata da prove scientifiche. Eppure la pandemia COVID-19 sembra aver dato nuova vita a queste teorie con molte voci che affermano che l’epidemia è una copertura per i sintomi causati dalle reti 5G.

Tra i nuovi apparenti sostenitori di queste teorie vi furono la cantautrice inglese Anne Marie e l’attore Woody Harrelson. La diffusione di queste voci, così come i possibili attacchi incendiari, stanno spingendo le organizzazioni e le agenzie di telecomunicazioni britanniche a contrastare il messaggio. Venerdì, il Dipartimento di Cultura, Media e Sport del Regno Unito ha twittato: “Non esiste assolutamente alcuna prova credibile di un legame tra 5G e coronavirus“.

Le misure attuate contro i complotti

Il gruppo commerciale del settore Mobile UK ha anche rilasciato una dichiarazione che definisce queste teorie cospirative “sconcertanti” ed ha espresso preoccupazione per gli abusi contro i lavoratori che sono coinvolti nei lavori relativi alle reti 5G. La dichiarazione coincide con il video pubblicato dal Daily Mail che mostra una donna che affronta due uomini che posano un cavo in fibra ottica a East London. La donna dice agli uomini che il lavoro che stanno facendo contribuirà alla pandemia di COVID-19.

Gli sforzi per bloccare la diffusione della disinformazione sul coronavirus si stanno estendendo anche ai media tradizionali, con i regolatori che affermano che inseguiranno le emittenti che perpetuano false affermazioni. Finora, ci sono state diverse sanzioni. Il regolatore dei media del Regno Unito Ofcom ha intrapreso un’azione legale contro una stazione radio questa settimana a seguito di una frase contenente “dichiarazioni potenzialmente dannose”.

Ofcom ha annunciato venerdì di aver sanzionato Uckfield FM a seguito di un’intervista in cui il soggetto, presentato all’ascoltatore come infermiera, ha fatto eco alle voci secondo cui l’epidemia di coronavirus a Wuhan è stata causata dal lancio di una rete 5G. In una dichiarazione che accompagna l’azione, il regolatore ha affermato che la stazione “non è riuscita a proteggere adeguatamente gli ascoltatori” e che “le emittenti hanno un ruolo prezioso da svolgere” quando si tratta di “aggiornare e informare le persone” soprattutto alla luce dell’epidemia di coronavirus. “Durante l’attuale pandemia, è importante che le informazioni potenzialmente fuorvianti sul coronavirus non vengano trasmesse alla radio o alla TV“, ha continuato la dichiarazione.

 

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Studente di ingegneria meccanica, appassionato di tutto ciò che riguarda i motori, la tecnologia e la musica