Coronavirus: il Covid-19 viaggia in aria? Parola agli scienziati

Coronavirus: il Covid-19 viaggia in aria? Parola agli scienziati

Da quando i primi rapporti hanno rivelato che un nuovo coronavirus si stava diffondendo rapidamente tra le persone, i ricercatori hanno cercato di stabilire se può viaggiare nell’aria. I funzionari sanitari affermano che il virus viene trasportato solo attraverso goccioline che provengono da tossite o starnuti, direttamente o sugli oggetti. Ma alcuni scienziati affermano che ci sono prove preliminari che la trasmissione nell’aria – in cui la malattia si diffonde nelle particelle molto più piccole dall’aria espirata, nota come aerosol – si sta verificando e che precauzioni come aumentare la ventilazione all’interno dovrebbero essere raccomandate per ridurre il rischio di infezione.

In un brief scientifico pubblicato sul suo sito Web il 27 marzo, l’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato che non ci sono prove sufficienti per suggerire che la SARS-CoV-2 sia dispersa nell’aria, tranne in una manciata di contesti medici, come ad esempio durante l’intubazione di un paziente infetto. Ma gli esperti che lavorano su malattie respiratorie e aerosol nell’aria affermano che la raccolta di prove inequivocabili per la trasmissione nell’aria potrebbe richiedere anni e costare la vita nel frattempo.

Nella mente degli scienziati che lavorano su questo, non c’è assolutamente alcun dubbio che il virus si diffonda nell’aria“, afferma la scienziata aerosol Lidia Morawska presso la Queensland University of Technology di Brisbane, in Australia. “Questo è un gioco da ragazzi“.

Coronavirus: la confusione creata dai media

Quando i funzionari della sanità pubblica affermano che non ci sono prove sufficienti per affermare che il COVID-19 è disperso nell’aria, significano specificamente trasportati in aerosol carichi di virus con diametro inferiore a 5 micrometri. Rispetto alle goccioline, che sono più pesanti e si pensa che percorrano solo brevi distanze dopo che qualcuno tossisce o starnutisce prima di cadere sul pavimento o su altre superfici, gli aerosol possono indugiare nell’aria più a lungo e viaggiare ulteriormente.

La maggior parte della trasmissione avviene a distanza ravvicinata, afferma Ben Cowling, un epidemiologo dell’Università di Hong Kong. Ma la distinzione tra goccioline e aerosol è inutile perché “le particelle che escono con il virus possono avere una vasta gamma di dimensioni. Molto, molto grandi fino agli aerosol ”, afferma.

E se SARS-CoV-2 sta trasmettendo in aerosol, è possibile che particelle di virus possano accumularsi nel tempo in spazi chiusi o essere trasmesse su distanze maggiori. Gli aerosol hanno anche maggiori probabilità di essere prodotti parlando e respirando, il che potrebbe persino costituire un rischio maggiore rispetto allo starnuto e alla tosse, afferma il virologo Julian Tang dell’Università di Leicester, Regno Unito. “Quando qualcuno tossisce, si allontanano e quando starnutiscono si allontanano“, dice. Non è così quando parliamo e respiriamo.

Uno studio condotto su persone con influenza ha rilevato che il 39% delle persone espirava aerosol infettivi. Finché condividiamo uno spazio aereo con qualcun altro, respirando l’aria che espirano, è possibile la trasmissione nell’aria, dice Tang.

Le prove sulla trasmissibilità aerea

Le prove provenienti da studi preliminari e segnalazioni sul campo che la SARS-CoV-2 si sta diffondendo negli aerosol è mista. Al culmine dell’epidemia di coronavirus a Wuhan, in Cina, il virologo Ke Lan dell’Università di Wuhan ha raccolto campioni di aerosol negli e intorno agli ospedali per curare le persone con COVID-19, così come negli affollati ingressi di due grandi magazzini. Lan e i suoi colleghi riferiscono di aver trovato RNA virale da SARS-CoV-2 in diverse località, inclusi i grandi magazzini.

Lo studio non verifica se gli aerosol raccolti fossero in grado di infettare le cellule. Ma, in un’e-mail a Nature, Lan afferma che il lavoro dimostra che “durante la respirazione o il parlare, la trasmissione di aerosol SARS-CoV-2 potrebbe verificarsi e avere un impatto sulle persone vicine e lontane dalla fonte“. Come precauzione, il pubblico in generale dovrebbe evitare la folla, scrive, e dovrebbe anche indossare maschere, “per ridurre il rischio di esposizione al virus in via aerea“.

Un altro studio non è riuscito a trovare prove di SARS-CoV-2 in campioni di aria in stanze di isolamento in un centro di epidemia dedicato al trattamento di persone con Coronavirus a Singapore. I campioni di superficie di un fan della presa d’aria hanno restituito un risultato positivo, ma due autori – Kalisvar Marimuthu e Oon Tek Ng del National Center for Infectious Diseases di Singapore – hanno dichiarato a Nature in un’e-mail che l’outlet era abbastanza vicino a un persona con COVID-19 che avrebbe potuto essere contaminato da goccioline respiratorie da tosse o starnuti. Uno studio simile condotto da ricercatori del Nebraska ha rilevato l’RNA virale in quasi due terzi dei campioni di aria raccolti in stanze di isolamento in un ospedale per il trattamento di persone con COVID-19 e in una struttura di quarantena che ospita quelli con infezioni lievi. Anche le superfici nelle griglie di ventilazione sono risultate positive. Nessuno dei campioni di aria era contagioso nella coltura cellulare, ma i dati suggeriscono che “le particelle di aerosol virali sono prodotte da individui che hanno la malattia COVID-19, anche in assenza di tosse“, scrivono gli autori.

L’OMS scrive nel suo ultimo brief scientifico che l’evidenza dell’RNA virale “non è indicativa di virus vitali che potrebbero essere trasmissibili”. Il brief indica anche la propria analisi di oltre 75.000 casi di Coronavirus in Cina che non hanno riferito di aver trovato trasmissioni aeree. Ma Ben Cowling afferma che “non sono state presentate molte prove a sostegno della valutazione” e l’assenza di prove non significa che SARS-CoV-2 non sia disperso nell’aria. L’OMS non ha risposto alle domande di Nature sulle prove in tempo per la pubblicazione.

Gli scienziati degli Stati Uniti hanno dimostrato in laboratorio che il virus può sopravvivere in un aerosol e rimanere infettivo per almeno 3 ore. Sebbene le condizioni nello studio fossero “altamente artificiali”, esiste probabilmente “un rischio diverso da zero di diffusione a lungo raggio attraverso l’aria”, afferma la coautrice Jamie Lloyd-Smith, ricercatrice di malattie infettive all’Università della California, Los Angeles.

Ultimi post

Breaking News

Ultimi Articoli: