Coronavirus: cosa succede ai polmoni se colpiti dal COVID-19?

Coronavirus: cosa succede ai polmoni se colpiti dal COVID-19?

Quello che è diventato noto come Covid-19, o Coronavirus, è iniziato alla fine del 2019 come un gruppo di casi di polmonite con una causa sconosciuta. Si è scoperto che la causa della polmonite era un nuovo virus: la sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 o Sars-CoV-2. La malattia causata dal virus è Covid-19. Ora dichiarata pandemia dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), la maggior parte delle persone che contraggono Covid-19 soffre solo di sintomi lievi, simili all’influenza. L’OMS afferma che circa l’80% delle persone con Covid-19 guarisce senza bisogno di alcun trattamento specialistico. Solo una persona su sei si ammala gravemente e sviluppa difficoltà respiratorie. Quindi, come può Covid-19 svilupparsi in una malattia più grave caratterizzata da polmonite, e cosa succede ai nostri polmoni e al resto del nostro corpo?

Coronavirus: come il virus attacca le persone?

Il Guardian Australia ha parlato con il Prof John Wilson, presidente eletto del Royal Australasian College of Physicians e medico respiratorio. Wilson afferma che le persone che sono colpite dal Covid-19 possono essere classificate in quattro grandi categorie. I meno gravi sono quelli che sono “sub-clinici” e che hanno il virus ma non hanno sintomi. Successivamente ci sono quelli che hanno un’infezione al tratto respiratorio superiore, che, afferma Wilson, “significa che una persona ha la febbre e la tosse e forse sintomi più lievi come mal di testa o congiuntivite”.

Spiega che: “Quelle persone con sintomi minori sono ancora in grado di trasmettere il virus ma potrebbero non esserne consapevoli“. Sono i cosiddetti asintomatici. Il più grande gruppo di coloro che sarebbero positivi per Covid-19, e le persone che più probabilmente si presenteranno agli ospedali e agli interventi chirurgici, sono quelli che sviluppano gli stessi sintomi simil-influenzali. Un quarto gruppo, afferma Wilson, svilupperà una grave malattia con polmonite. “A Wuhan, è emerso che da coloro che erano risultati positivi e avevano cercato assistenza medica, circa il 6% aveva una malattia grave“. L’OMS afferma che gli anziani e le persone con problemi sottostanti come ipertensione, problemi cardiaci e polmonari o diabete, hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie gravi.

Come si sviluppa la polmonite?

Quando le persone con Covid-19 sviluppano tosse e febbre, Wilson afferma che questo è il risultato dell’infezione che raggiunge l’albero respiratorio, i passaggi dell’aria che conducono l’aria tra i polmoni e l’esterno. “Il rivestimento dell’albero respiratorio si ferisce, causando infiammazione. Questo a sua volta irrita i nervi nel rivestimento delle vie aeree. Solo un granello di polvere può stimolare la tosse. Ma se questo peggiora, passa solo il rivestimento delle vie aeree e va alle unità di scambio del gas, che si trovano alla fine dei passaggi aerei. Se si infettano, rispondono versando materiale infiammatorio nelle sacche d’aria che si trovano nella parte inferiore dei nostri polmoni“.

Se poi le sacche d’aria si infiammano, Wilson afferma che ciò provoca “uno sfogo di materiale infiammatorio [cellule fluide e infiammatorie] nei polmoni e si è affetti da polmonite“. Afferma che i polmoni che si riempiono di materiale infiammatorio non sono in grado di ottenere abbastanza ossigeno nel flusso sanguigno, riducendo la capacità del corpo di assorbire ossigeno e liberarsi di anidride carbonica. “Questa è la solita causa di morte con grave polmonite“, afferma.

Coronavirus: come viene trattata la polmonite?

La professoressa Christine Jenkins, presidente della Lung Foundation Australia e un importante medico respiratorio, ha dichiarato a Guardian Australia: “Sfortunatamente, finora non abbiamo nulla che possa impedire alle persone di contrarre la polmonite da coronavirus. Le persone stanno già sperimentando tutti i tipi di farmaci e speriamo di scoprire che esistono varie combinazioni di farmaci virali e antivirali che potrebbero essere efficaci. Al momento non esiste alcun trattamento stabilito oltre al trattamento di supporto, che è ciò che offriamo alle persone in terapia intensiva. Li ventiliamo e manteniamo elevati livelli di ossigeno fino a quando i loro polmoni sono in grado di funzionare nuovamente in modo normale mentre si riprendono“. Wilson afferma che anche i pazienti con polmonite virale sono a rischio di sviluppare infezioni secondarie, quindi sarebbero anche trattati con farmaci anti-virali e antibiotici. “In alcune situazioni non è sufficiente“, afferma dell’attuale epidemia. “La polmonite non è diminuita e i pazienti non sono sopravvissuti“.

Cosa cambia rispetto alla polmonite da COVID-19?

Jenkins afferma che la polmonite Covid-19 è diversa dai casi più comuni per cui le persone sono ricoverate negli ospedali. “La maggior parte dei tipi di polmonite che conosciamo e per i quali ammettiamo le persone in ospedale sono batterici e rispondono a un antibiotico”. Wilson afferma che ci sono prove che la polmonite causata da Covid-19 può essere particolarmente grave. Wilson afferma che i casi di polmonite da coronavirus tendono a colpire l’intero polmone, anziché solo piccole parti. Afferma: “Una volta che abbiamo un’infezione ai polmoni e, se coinvolge le sacche d’aria, la risposta del corpo è innanzitutto quella di cercare di distruggere il virus e limitarne la duplicazione“.

Wilson afferma che questo meccanismo di autodifesa del corpo umano può essere compromesso in alcuni gruppi, comprese le persone con patologie cardiache e polmonari sottostanti, diabete e anziani. Jenkins afferma che, in genere, le persone di età pari o superiore a 65 anni sono a rischio di polmonite, così come le persone con condizioni mediche come diabete, cancro o malattie croniche che colpiscono polmoni, cuore, reni o fegato, fumatori e neonati di età pari o inferiore a 12 mesi.

L’età è il principale fattore predittivo del rischio di morte per polmonite. La polmonite è sempre grave per una persona anziana e in effetti era una delle principali cause di morte. Ora abbiamo ottimi trattamenti per la polmonite. È importante ricordare che, indipendentemente da quanto sei sano e attivo, il rischio di contrarre la polmonite aumenta con l’età. Questo perché il nostro sistema immunitario si indebolisce naturalmente con l’età, rendendo più difficile per i nostri anticorpi combattere infezioni e malattie“.

Ultimi post

Breaking News

Ultimi Articoli: