Coronavirus: in Brasile i morti sono molti di più rispetto a quelli confermati

Coronavirus: in Brasile i morti sono molti di più rispetto a quelli confermati

Il Brasile si sta preparando a un’impennata dei casi di coronavirus mentre medici e ricercatori avvertono che la sottostima e la mancanza di test indicano che nessuno conosce la reale portata della diffusione del Covid-19. “Quello che sta succedendo è un’enorme sottostima“, ha detto Isabella Rêllo, una dottoressa che lavora in terapia intensiva negli ospedali di Rio de Janeiro, in un post di Facebook ampiamente condiviso che sfida numeri ufficiali. “Ce ne sono MOLTI altri“, ha scritto.

Essendo il paese più colpito dell’America Latina, il Brasile ha ufficialmente 9.056 casi di coronavirus – tra cui attori, cantanti, ministri del governo e Fabio Wajngarten, segretario stampa del presidente, Jair Bolsonaro. Con 14 milioni di brasiliani che vivono in favelas densamente popolate dove spesso mancano i servizi igienico-sanitari di base, i lavoratori stanno lottando per la perdita di reddito durante il blocco e l’isolamento sociale è difficile o impossibile.

Coronavirus in Brasile

Il primo caso è già stato segnalato in una comunità indigena amazzonica. Bolsonaro definì la pandemia una “piccola influenza” e insistette che i brasiliani fossero immuni perché erano abituati a saltare nelle acque reflue. Il suo governo ha distribuito solo 54.000 test per una popolazione di circa 210 milioni. Il mese scorso il ministero della salute ha smesso di rilasciare il numero di casi sospetti.

In Brasile questo è certamente un problema critico, se non una crisi“, ha affermato Albert Ko, presidente del dipartimento e professore di epidemiologia presso la Yale School of Medicine, rilevando che test diffusi hanno aiutato Taiwan, la Corea del Sud e la Germania a contrastare l’ascesa dell’epidemia. “È chiaro che dobbiamo migliorare la questione dei test e migliorare molto“, ha detto il giornalista Luiz Mandetta ai giornalisti questa settimana.

In Brasile il numero di morti è sottostimato

Le stime variano notevolmente. Questa settimana, Edmar Santos, segretario alla salute di Rio de Janeiro, ha dichiarato che lo stato potrebbe avere da 50 a 100 persone infette per ciascuno dei suoi 1074 casi confermati.

Il bilancio ufficiale del Brasile di 359 morti è solo “la punta dell’iceberg”, ha detto Fernando Bozza, un ricercatore di malattie infettive presso l’istituto di ricerca governativo Fiocruz che sta modellando la pandemia. “Hai una montagna di altre morti che sono direttamente o indirettamente associate all’epidemia e non vengono informate“.

Rêllo, che lavora negli ospedali pubblici e privati ​​di Rio, ha affermato che i risultati dei test possono richiedere fino a sette giorni per essere ottenuti. La scorsa settimana ha affrontato tre decessi da sola, ma i risultati che confermano il coronavirus sono arrivati ​​dopo la morte dei pazienti, il che significa che non sono entrati nel conteggio. I sistemi di notifica di cui si occupa variano dai moduli scritti a mano a quelli online.

Sono solo un dottore“, ha detto. “Il numero che vedo di pazienti in condizioni critiche, di ciò che vedo e di ciò che le persone che conosco mi dicono, non corrisponde al numero che viene divulgato“. Lei e altri dottori sono preoccupati di rimanere a corto di equipaggiamento di protezione personale prima che l’intera forza della pandemia abbia colpito. “È caotico, molti casi arrivano“, ha detto Rodolfo Espinoza, un medico che lavora nei reparti di terapia intensiva di Rio. “Sappiamo che ci sono molti casi sospetti senza diagnosi“.

 

Ultimi post

Breaking News

Ultimi Articoli: