Amazon riduce la qualità video degli streaming di Prime Video

Amazon riduce la qualità video degli streaming di Prime Video

I servizi di streaming video stanno limitando i volumi di dati in Europa per alleviare le reti nella crisi del coronavirus. Amazon ha iniziato a ridurre la velocità in bit di streaming del suo servizio di streaming video Prime Video al fine di ridurre la quantità di dati da trasferire. I clienti Prime Video possono riprodurre, di solito, contenuti in risoluzione 4K senza costi aggiuntivi, ma non in questi giorni. Netflix ha iniziato a limitare la qualità dei video, quindi YouTube ha seguito questa filosofia. Inizialmente YouTube peggiorerà la qualità dei video per 30 giorni: i video devono sempre essere trasmessi in risoluzione SD anziché in qualità HD. Netflix prevede di ridurre la trasmissione dei dati di un quarto durante questo periodo.

Amazon, Netflix: come si muoveranno i colossi?

Netflix vuole essere più selettivo di YouTube con la riduzione nazionale della risoluzione. L’entità della limitazione per ogni singolo utente dipenderà, tra le altre cose, dal tipo di dispositivo che utilizzano, dalla disponibilità della rete e dalla tariffa per cui pagano, secondo i circoli aziendali di Netflix. Ad esempio, alcuni potrebbero notare una qualità dell’immagine inferiore, mentre altri no. In generale, Netflix vuole garantire che tutti gli utenti ottengano la qualità per cui hanno pagato, ma con la velocità di trasmissione dati più bassa possibile. Nell’abbonamento standard, i clienti Netflix ricevono solo tutti i contenuti in risoluzione standard. Se vuoi la risoluzione HD, devi pagare di più. Diventa ancora più costoso se il contenuto è in risoluzione 4K.

Il commissario europeo Thierry Breton, che ha avviato le misure, ha accolto con favore l’approccio dei fornitori di servizi di streaming. In Europa vi è una preoccupazione generale che un maggiore utilizzo di lezioni online, e corsi universitari in via telematica, nonché l’utilizzo per il puro intrattenimento potrebbe ostruire le reti. Finora, i fornitori di servizi Internet hanno assicurato di poter sostenere l’aumento di utenza. Tuttavia, il collo di bottiglia potrebbe essere la connessione di rete locale nei luoghi di residenza. La Commissione europea teme che l’utilizzo della rete consenta di lavorare da casa e accedere a opportunità educative.

 

Ultimi post

Breaking News

Ultimi Articoli: