Opel Ampera-E e altre novità al Salone dell’Auto di Parigi

Dopo le tante indiscrezioni e le anteprime uscite nelle scorse settimane finalmente Karl-Thomas Neumann, CEO di Opel, ha presentato oggi la rivoluzionaria Opel Ampera-e al Salone dell’Auto di Parigi. Ovviamente allo stand Opel non è l’unica novità presentata, ma quella che era più attesa e che ha riscosso più successo.

Ampera-E

La stella della manifestazione garantisce un’autonomia di percorrenza di oltre 500 chilometri (autonomia in modalità elettrica, misurata in base al Nuovo Ciclo di Guida Europeo – NEDC: > 500, dato preliminare), ovvero 200 chilometri in più rispetto alla concorrente più prossima nello stesso segmento attualmente sul mercato.

Lo stand Opel al Salone è verde come la giungla urbana ed è pertanto in linea con il tema principale, la mobilità sostenibile.

Durante il discorso alla conferenza stampa Opel, Neumann ha detto: “Ecco la nuovissima Opel Ampera-e! ‘Das Elektroauto!’ Il veicolo elettrico per tutti! La nuova Ampera-e ridefinisce la mobilità elettrica superando l’ostacolo principale: l’autonomia. In base ad alcuni test preliminari nel ciclo NEDC, la vettura è in grado di percorrere più di 500 chilometri con una sola carica. E quando i clienti devono ricaricare, possono ‘fare rifornimento’ di quasi 150 chilometri di autonomia in soli 30 minuti a una stazione di ricarica pubblica.

Lanceremo l’auto in Europa nella prima metà del prossimo anno.” Durante la conferenza stampa, Neumann ha anche rivelato che, a dimostrazione di questo livello di autonomia, lo scorso fine settimana una Ampera-e ha percorso la distanza da Londra a Parigi – 417 chilometri di strada – con una sola carica della batteria. E le batterie non erano ancora vuote quando è arrivata al traguardo del “Mondial de l’Automobile“. Secondo il computer di bordo la vettura aveva ancora 80 chilometri di autonomia a dimostrazione ulteriore che Ampera-e è in grado di raggiungere un’autonomia di circa 500 chilometri nelle normali condizioni del traffico di tutti i giorni.

In aggiunta ai dati forniti dal viaggio reale da Londra a Parigi e dai test di guida NEDC, Opel ha anche sottoposto l’Ampera-e al profilo definito dal rigido ciclo di guida WLTP (Worldwide Harmonized Light-Duty Vehicles Test Procedure) (procedura breve). E la vettura ha ottenuto risultati eccellenti anche in questo caso: in base al test, i tecnici stimano che l’autonomia nel ciclo misto sia superiore ai 380 chilometri. Naturalmente, nell’uso quotidiano l’autonomia varia e dipende dallo stile di guida personale e da fattori esterni.

Oltre a essere dotata di un sistema di propulsione superiore, Ampera-e si distingue anche per l’intelligenza delle soluzioni adottate: l’efficiente disposizione della batteria sotto il pianale del veicolo permette di avere un abitacolo spazioso con 5 comodi posti e un volume di carico paragonabile a quello di una compatta 5 porte. Pamela Fletcher, Executive Chief Engineer, ha spiegato a Parigi: “Il design e la posizione della batteria consentono di avere un abitacolo davvero spazioso, ma essa fa anche parte della struttura del veicolo, contribuisce alla sua rigidezza torsionale, abbassa il baricentro, protegge dagli urti e riduce il peso della vettura.”

Leggi di più a proposito di Opel Ampera-E e altre novità al Salone dell’Auto di Parigi