Apple

La Russia ha chiesto ad Apple di sbloccare l’iPhone del killer

Autore: DAVIDE PALMIERI Sicuramente avrete visto il video dell’assassinio di Andrei Karlov, ambasciatore russo ucciso giusto 3 giorni fa da un’agente di polizia fuori servizio. Dopo questo brutto attentato, fatto per vendicare la popolazione di Aleppo, la Russia avrebbe chiesto ad Apple di sbloccare un iPhone 4S appartenente al killer di Ankara. Ricapitolando oltre alle autorità russe, la […]

wikileaks

Wikileaks pubblica le mail di Erdogan

Nel bel mezzo della crisi turca, dovuta al tentativo di colpo di stato di venerdì scorso da parte di alcune truppe militari, potrebbe arrivare un’altra gatta da pelare per il presidente sultano Recep Tayyip Erdogan. Dopo essersi affidato ad alcune applicazioni di messaggistica online per inviare messaggi ai suoi adepti e agli organi di stampa durante il golpe Erdogan, si può dire, si stato praticamente salvato da Internet. Lo stesso Internet che, durante la sommossa, è stato fatto oscurare per alcune ore proprio dal suo governo. Essendo a conoscenza, evidentemente, di questa condizione, Erdogan è riuscito ad inviare messaggi con l’aiuto di Face Time. Ora, il web, dopo essere stato il suo angelo custode, potrebbe diventare il suo peggior nemico. Strano come mutano gli eventi nel giro di poche ore. A spaventare il presidente sultano ora sarebbe un file di Wikileaks contenente tutte le e-mail sue e del suo partito, l’AKP.  Leggi di più a proposito di Wikileaks pubblica le mail di Erdogan

limitazioni rete per golpe in turchia

Turchia, come aggirare le limitazioni ai social

Il tentativo di golpe in Turchia ha portato con se conseguenze anche sul lato del mondo virtuale. L’accesso a vari siti internet è stato bloccato per più di un’ora durante i movimenti, poi falliti, da parte dell’esercito di conquistare il potere. Ma, al di là del recente tentativo di colpo di stato, il governo della Turchia non è nuovo a questo tipo di limitazioni volte a rispondere ad eventi di natura politica che lo riguardano. Principalmente servizi come Facebook, Periscope e Twitter hanno risentito del blocco per via, sicuramente, delle loro funzionalità che permettono commenti e video in diretta. Leggi di più a proposito di Turchia, come aggirare le limitazioni ai social